giovedì 29 maggio 2014

Voglia di picnic

Quando la primavera sembra quasi estate e i primi raggi caldi del sole invadono la casa.
Quando i prati sembrano ghirlande di margherite e l'aria profuma di mentuccia e rose.










Quando guardi con ansia il meteo del weekend alla ricerca della giornata perfetta.




Quando, per una volta, ti liberi delle posate . . . Che mangiare con le mani, è la cosa più bella che ci sia.
 


Pane alle zucchine

 
 
 
 
 
 
 
 
 







 
 

Ingredienti


250 G FARINA " 0 "
50 G FARINA DI KAMUT
50 G FARINA DI RISO
120 ML ACQUA
80 G FORMAGGIO BASTARDO DEL GRAPPA STAGIONATO
60 ML LATTE
7 G LIEVITO DI BIRRA
2 CUCCH . DI ZUCCHERO
1,5 CUCCH . INI DI SALE
 SEMI DI SESAMO

250 G ZUCCHINE NOVELLE
1 CIPOLLOTTO
1 SPICCHIO DI AGLIO
2 CUCCH . DI OLIO EVO
BASILICO , MENTA , PREZZEMOLO
SCORZETTA DI LIMONE
SALE

Per completare
250 G PROSCIUTTO COTTO

Il giorno prima : lavare le zucchine, grattugiarle molto finemente e raccoglierle in una terrina. Profumarle con un trito aromatico, qualche scorzetta di limone, il cipollotto, pulito e tritato, e l'aglio diviso a metà. Salare, irrorare con due cucchiai di olio e lasciare insaporire il tutto per mezz'ora.
Sciogliere il lievito, in una ciotolina, con l'acqua tiepida e lo zucchero, quindi coprire finché non si sarà formato un leggero strato di schiumetta in superficie.
Sistemare le farine in una terrina capiente, fare un buco al centro, la fontana, e versarvi la miscela di lievito, il latte e il formaggio grattugiato. Eliminare l'aglio dall'intingolo di zucchine e unire anch'esso all'imparto. Cominciare a impastare, aggiungendo il sale, e amalgamare bene gli ingredienti fino ad avere una pasta elastica e liscia, aggiungendo altra farina se serve .
Fare una palla, inciderla a croce e metterla a lievitare, coperta , in frigorifero per tutta la notte.
La mattina seguente, riprendere l'impasto e riportarlo a temperatura ambiente. Lavorarlo per qualche minuto e stenderlo con il matterello, su un piano infarinato. Arrotolarlo, formando un filoncino, e sistemarlo in uno stampo a cassetta da pancarrè ( 30 x 10 cm ), unto d'olio oppure foderato di carta forno. Coprire lo stampo con l'apposito coperchio, unto anch'esso, e lasciare lievitare la pasta ancora per 30' - 40', ( in mancanza dello stampo da pancarrè, si puo' usare quello da plumcake, coperto con un foglio di stagnola ).
Pennellare la superficie dell'impasto con un po' di latte e cospargere con due cucchiai di sesamo. Richiudere e infornare a 180° per 45' - 50', quindi lasciare raffreddare il pane nello stampo chiuso, prima di affettarlo.
Dividere a metà le fettine e farcirle con il prosciutto cotto .

venerdì 23 maggio 2014

Sapore di limone

Una ricetta scovata in un vecchio libro ( Fantasie da forno ) di cui, fino ad oggi, avevo completamente snobbato la sezione dolce. Et voilà, l'ispirazione perfetta per utilizzare, finalmente, i limoni del giardino dei miei genitori.  
Il risultato ? Una torta soffice e profumatissima, che sa di risvegli felici, merende all'aperto, ma anche di sublime leggerezza fine pasto, magari inondata con una pioggia di fragoline di bosco . Una di quelle torte, insomma, che amo alla follia, soprattutto perché il successo è garantito.
E sotto questo cielo che minaccia tempesta, direi che una fetta ci sta davvero tutta !!!!
Buon week end

Torta al limone

 
 



 
 








 
 
 

Ingredienti

100  G FARINA
100 G ZUCCHERO
80 G YOGURT NATURALE TIPO GRECO
80 G BURRO
4 G LIEVITO PER DOLCI
2 UOVA
2 LIMONI BIO

Per glassare
2,5 CUCCH . DI ZUCCHERO A VELO
2 CUCCH . DI SUCCO DI LIMONE

Per decorare
1 LIMONE BIO
1 CESTINO DI FRAGOLINE DI BOSCO

Setacciare la farina con il lievito e aggiungere lo zucchero.
Sbattere le uova con lo yogurt, unire il burro, fuso a bagnomaria, la scorzetta di un limone, 2 - 3 cucchiai di succo di limone e amalgamare il tutto con cura.
Aggiungere gradualmente il mix di farina e zucchero, mescolando con una frusta per non formare grumi. Lasciar riposare il composto per una mezz'ora, quindi versarlo in uno stampo ( 18 cm diametro ) imburrato e foderato di carta forno.
Passare in forno a 170 ° per circa 45', facendo la prova dello stecchino per verificare la cottura ( lo stecchino deve uscire asciutto ).
In un pentolino, sciogliere lo zucchero con il succo di limone e cuocere, mescolando, finché non sarà addensato.
Estrarre la torta dal forno, praticare sulla superficie qualche forellino e pennellare bene con la glassa . Lasciarla raffreddare prima di sformarla su un piatto.
Completare con qualche fettina sottile di limone e le fragoline.


 
 
 
Partecipo al contest di Veronica : A cena a casa di amici
in collaborazione con il blog Virginia's Creations
 
 
 
 
 

sabato 17 maggio 2014

Mal di Primavera

Assonnata, stressata e tragicamente pigra !!!!!!
Riflettendo sulla mia solerzia delle ultime settimane, ho maturato la convinzione di essere stata colpita dalla cosiddetta " sindrome del letargo ".
Ma già che la vita è troppo breve, e non solo per " bere vini mediocri ", ma anche per rinunciare al piacere di una buona cenetta, allora meglio scacciare ogni fantasma . . . Che in fondo non c'è nulla di più rivitalizzante del cibo, almeno per lo spirito !


Cocottes di asparagi

con biscottini allo zafferano

 
 

 








Ingredienti per 8 cocotte


600 g ASPARAGI BIANCHI DI BASSANO
100 ML PANNA FRESCA
60 G RICOTTA DI BUFALA
60 G ASIAGO STRAVECCHIO
2 UOVA
1 CUCCH . DI FECOLA
1 CIPOLLA NOVELLA PICCOLA
NOCE MOSCATA , ZAFFERANO
SALE
OLIO EVO

Per i biscottini
100 G FARINA
50 G BURRO
40 G ASIAGO STRAVECCHIO
2 - 3 CUCCH. LATTE
1 TUORLO
MEZZA BUSTINA DI ZAFFERANO
ZUCCHERO
SALE

Lavare gli asparagi, eliminare la parte finale, legnosa, del gambo ( più o meno 4 cm ), quindi con uno spelucchino, o pelapatate, raschiare lo strato esterno. Tagliarli a rotelle, tenendo intere le punte, e farli insaporire per qualche minuto, in un'ampia padella, con un filo d'olio e la cipolla tritata. Salare, diluire con un mestolino d'acqua, coprire e cuocere 15'. Aggiungere le punte e continuare la cottura per altri 20' circa.
Mettere da parte le punte e frullare il resto con le uova, la panna, la ricotta, l'Asiago, la fecola, un pizzico di zafferano e abbondante noce moscata, fino ad avere una crema liscia e densa.
Riempire col composto, intiepidito, 8 mini cocottes imburrate e passarle in forno a 170° per 30', finché i flan non saranno gonfi e dorati.
Sfornare e lasciare intiepidire.
Per le sfogliatine : disporre la farina a fontana, con un pizzico di sale e lo zucchero, aggiungere il burro, ridotto a piccoli cubetti ( oppure fuso a bagnomaria ), il formaggio grattugiato, il tuorlo, lo zafferano e un pizzico di noce moscata. Impastare velocemente tutti gli ingredienti, unendo il latte per ammorbidire il composto, formare una palla e passarla in frigo, coperta di pellicola, per almeno 30'.
Con l'aiuto di una formina, ritagliare circa 40 biscottini e allinearli su una teglia, foderata di carta forno. Infornare a 170 ° per 15' - 20' , finché non saranno ben dorati.
Decorare i flan con le punte di asparago, tenute da parte, e servirli con i biscottini .
 
 
Partecipo al contest del blog Le Ricette della Nonna : lo zafferano
in collaborazione con l ' Agriturismo Podere Cunina
 
 
Contest Le Ricette della Nonna & Podere Cunina 2014

domenica 11 maggio 2014

" Mamma tutto è lei "

Perché la mamma è unica e insostituibile,
la mamma è da sempre e per sempre,
la mamma ama di un amore incondizionato.
E perchè, come qualcuno ha scritto,  " Ogni volta che nasce un bambino, nasce una mamma" .
Auguri a tutte le mamme, ma soprattutto alla mia !
 

Tartare di spada marinato e fragole

con Mousse di caprino

 
 
 

 
 














 

Ingredienti per 4 persone

 
Per la tartare :
500 G PESCE SPADA
ERBA CIPOLLINA , MENTA , SANTOREGGIA
1 SPICCHI DI AGLIO
1 CUCCH . INO DI MIELE DI ACACIA
1/2 LIMONE
LEMON GRASS
ZENZERO FRESCO
CURCUMA
SALSA DI SOIA
SALE , SALE AFFUMICATO
OLIO EVO
 
Per la tartare di fragole
500 G FRAGOLE
1 CIPOLLOTTO
BASILICO , MENTA , ERBA CIPOLLINA
ZUCCHERO DI CANNA
LIMONE
 
Per la mousse di caprino
200 G CAPRINO FRESCO
BASILICO ,ERBA CIPOLLINA , MENTA , TIMO
80 G YOGURT GRECO
SALE
OLIO EVO
 
INSALATINA VALERIANA
OLIO EVO
 
Tagliare il pesce spada a coltello . Sistemare la dadolata su un piatto, salarla, con il sale comune e quello affumicato, e condirla con un emulsione preparata mescolando : succo di limone, una spruzzata di salsa di soia, una punta di curcuma, il miele e olio, versato a filo. Insaporire con l'aglio a fettine, qualche rotella di lemon grass e zenzero, e gli aromi. Coprire e lasciar marinare per qualche ora, mescolando di tanto in tanto.



 
Lavare le fragole, asciugarle e tagliarle a cubetti, tenendone da parte quattro per decorare . Trasferire i cubetti in una terrina con gli aromi tritati e il cipollotto affettato finemente . Spruzzarli con il succo di mezzo limone e cospargerli con un cucchiaino di zucchero di canna . Coprire e lasciare insaporire.
Frullare il caprino con gli aromi, un pizzico di sale, lo yogurt e un filo d'olio, fino ad avere una spuma densa e liscia. Passare in frigo fino all'utilizzo.
Con l'aiuto di un coppapasta, sistemare le tartare a strati sui singoli piatti : sul fondo la tartare di fragole e sopra quella di spada, ben sgocciolata, praticando una leggera pressione.
Sfilare con delicatezza il coppapasta e decorare ogni timballino con una fragola affettata sottile e un ciuffo di mousse.  
Completare con l'insalatina, lavata e asciugata, e un filo d'olio.

 




Partecipo al contest di Letizia del blog Il Risotto Perfetto : I formaggi




 

giovedì 8 maggio 2014

La magia degli aromi

Succede che programmi di trascorrere qualche giorno in campagna, sognando pomeriggi di sole e chiacchiere, passeggiate e aperitivi all'aperto. E invece, piove, piove e piove ancora, e fa così freddo che rimpiangi solo di non aver messo in valigia un maglione di lana, caldo e avvolgente.
Poi immancabilmente, il giorno della partenza, l'aria si fa tiepida ed esplode la Primavera più limpida e profumata che ci sia . . . Ma ormai questa è una costante ineluttabile !




Allora, per un attimo, ti lasci inebriare da quest'aria tersa, che sa di pulito e ricama soffi leggeri, caldi e odorosi .




Focaccia al pesto aromatico 

con pomodorini al miele

 








 




Ingredienti

300 FARINA " 0 "
120 ML ACQUA
60 ML LATTE
7 G LIEVITO DI BIRRA
1,5 CUCCH . DI ZUCCHERO
1 CUCCH . INO DI SALE
SALE DI CERVIA

Per il pesto :
25 G AROMI MISTI :  BASILICO , ERBA CIPOLLINA , MENTA , ORIGANO , PREZZEMOLO
25 G PECORINO STAGIONATO
15 G PINOLI
SALE
OLIO EVO

15 POMODORINI CILIEGINI
1 SPICCHIO DI AGLIO NOVELLO
1 RAMETTO DI TIMO
ROSMARINO
MIELE
SALE
OLIO EVO

Per il pesto : lavare e asciugare gli aromi, quindi frullarli con i pinoli, il pecorino e un pizzico di sale, versando l'olio a filo, fino ad avere un pesto liscio e denso.
Sciogliere il lievito, in una ciotolina, con l'acqua tiepida e lo zucchero, poi coprire finché non si sarà formata una leggera schiumetta in superficie.
Sistemare la farina in una terrina capiente, fare un buco al centro, la fontana, e versarvi la miscela di lievito, il latte e il pesto. Cominciare a impastare, aggiungendo il sale, e amalgamare bene gli ingredienti fino ad avere una pasta elastica e liscia . Fare una palla, inciderla a croce e metterla a lievitare, coperta con un panno, per almeno 2 h, in luogo tiepido.
Lavare i ciliegini, tagliarli a metà, salarli e condirli con un filo d'olio e un cucchiaino di miele, mescolarli e profumarli con le foglioline di timo e l'aglio a fettine.




Trascorso il tempo di lievitazione, riprendere l'impasto e lavorarlo ancora per qualche minuto, quindi, con l'aiuto del mattarello, stenderlo, su un piano infarinato, formando un disco. Sistemarlo in una teglia, foderata di carta forno, coprirlo e lasciarlo lievitare ancora 1h.
Ricoprire la focaccia con i pomodorini, facendoli leggermente affondare nella pasta, pennellare la superficie con l'intingolo dei ciliegini, aiutandosi con un rametto di rosmarino e cospargere con qualche fiocco di sale.
Infornare a 180 ° per circa 40', finché sarà ben dorata.
Lasciare intiepidire e tagliare a fette.


 
 


Partecipo al contest di Alice : Nel cesto del pic - nic






 
 
e partecipo a Panissimo, evento creato da Barbara (www.myitaliansmorgasbord.com) e Sandra (www.sonoiosandra.blogspot.com) e ospitato questo mese da Sandra del blog Sono io Sandra
 
 
 

sabato 3 maggio 2014

La prima non si scorda mai

Un pomeriggio di fine estate, uno degli ultimi da trascorrere in campagna prima di rientrare in città, per l'inizio delle scuole ; l'eco sordo di un violento temporale e un'idea, balenata all'improvviso, per spezzare la monotonia di quella obbligata reclusione : una torta, la mia prima torta . Ed è passato talmente tanto tempo che non ricordo nemmeno più quanti anni avessi all'epoca nè da dove avessi tratto la ricetta. E se non fosse stato per un foglietto sgualcito, e ancora sporco di cioccolato, custodito in un vecchio ricettario, probabilmente oggi non avrei saputo replicarla.
La torta, nella versione originale, avrebbe dovuto essere farcita e ricoperta di glassa . . . Impresa praticamente impossibile per una ragazzina che, fino a quel momento, i dolci li aveva semplicemente mangiati !!!!!!
Così, tra una correzione e l'altra, suggerita dalla mamma, è nata lei . . .  


Torta al triplo cioccolato






















Ingredienti

100 G FARINA
140 G ZUCCHERO
80 G CIOCCOLATO FONDENTE
40 G CACAO AMARO
8 G DI LIEVITO PER DOLCI
4 UOVA
1 BICCH . DI LATTE
SCORZETTA DI LIMONE
SALE

1 CESTINO DI LAMPONI
CIOCCOLATO BIANCO

Montare, con le fruste, i tuorli , finché non diventano chiari, quindi aggiungere pian piano lo zucchero.
Setacciare la farina con il lievito e il cacao e incorporarli al composto precedente, mescolando per non formare grumi. Diluire con il latte, sempre mescolando fino ad avere una crema liscia e densa.  
Profumare con la scorzetta di mezzo limone e il cioccolato, grossolanamente tritato e leggermente infarinato.
Montare a neve ferma gli albumi, con un pizzico di sale, e amalgamarli gradualmente all'impasto, con movimenti dal basso verso l'alto.
Portare il forno a 170°.
Imburrare e infarinare una tortiera ( 20 cm di diametro ), oppure foderarla di carta forno, versarvi il composto e infornare per circa 20'.
Lasciar raffreddare la torta e sformarla su un piatto.
Poco prima di servirla, decorarla con i lamponi e il cioccolato bianco a scagliette.