martedì 13 gennaio 2015

Quando non è la solita zuppa

Da bambina, nutrivo una certa avversione per le minestre. Sarà che odiavo le consistenze, per così dire, annacquate , ma sarà soprattutto che le associavo a quel penetrante odore di brodo che invadeva i corridoi della scuola, fin dalle prime ore del mattino, a presagire un pranzo tutt'altro che gaio.
All'epoca, a casa mia , fortunatamente non c'era un devoto culto della minestra serale, salvo poche rare eccezioni. E tra queste, le uniche davvero in grado di riconciliarmi con la scodella fumante, erano le zuppe di legumi : bontà divina !
Così dense, cremose e avvolgenti , arricchite di tagliatelle spezzate, oppure crostini, e insaporite con una pioggia di buon parmigiano , rappresentavano per me la quintessenza del gusto.
Pertanto, quando sono in vena di sentimentalismi nostalgici, questa è la mia ricetta scalda-cuore. Un po' storia, un po' novità, in ogni caso un appagamento sublime  . . . Provare per credere .
 


Zuppetta di fave

con bocconcini di coda di rospo e cozze




 
 
 
 
 
 
 











Ingredienti per 4 persone


500 G FAVE SECCHE SGUSCIATE ( = 850 G FAVE SECCHE CON LA BUCCIA )
1 CIPOLLA DOLCE
1 SPICCHIO D'AGLIO
1 RAMETTO DI SALVIA E ROSMARINO
1 FOGLIA DI ALLORO
SALE
OLIO EVO

Per la coda di rospo
500 G CODA DI ROSPO
1 SPICCHIO D'AGLIO
1 ARANCIA
1 CUCCH . INO MIELE DI ACACIA
SALSA DI SOIA
MENTA
VINO BIANCO
SALE
OLIO EVO

Per le cozze
600 G COZZE
1 SPICCHIO D'AGLIO
1 CIPOLLOTTO
PREZZEMOLO
VINO BIANCO
OLIO EVO

1 FILONCINO DI PANE
ORIGANO
OLIO EVO

Per la zuppa : mettere a bagno le fave,  in abbondante acqua per 8 h, se sono sgusciate, per 18 - 24h se invece hanno ancora la buccia ( in quest'ultimo caso, dopo l'ammollo, andranno sbollentate e sgusciate - Come ho fatto io )
Scolare le fave, sciacquarle e passarle in un tegame con la cipolla tritata , aglio diviso a metà, l'alloro e gli odori anch'essi finemente tritati. Condire con un giro d'olio, coprire a filo d'acqua fredda ( oppure di brodo ) , portare a bollore e cuocere la zuppa, coperta, per circa 1h e 30, finchè le fave non saranno tenere. Spegnere, salare e lasciare intiepidire.
Con il frullatore a immersione, ridurre il tutto in crema, dopo aver prelevato un mestolino di fave da lasciare intere. Aggiustare di sapore, rimettere le fave e tenere in caldo.
Nel frattempo, sciacquare e tamponare con carta cucina la coda di rospo, privata della pelle. Incidere, con un coltellino affilato, lungo i due lati dell'osso centrale ed eliminarlo. Tagliare i filetti ottenuti a tocchetti  e sistemarli in una pirofila. Mescolare il succo di mezza arancia con il miele e una spruzzata di salsa di soia, quindi versare l'emulsione sul pesce. Profumare con qualche fogliolina di menta e alcune fettine d'arancia e lasciare insaporire per almeno mezzo'ora.
 
 
 
 
Trascorso il tempo, saltare velocemente in padella i bocconcini, con un filo d'olio e l'aglio schiacciato. Salare, sfumare con mezzo bicchiere di vino, farlo evaporare, a fuoco vivo, e spegnere il fuoco.
Per le cozze : sciacquare e pulire bene le cozze. Saltarle, in un' ampia padella, con il cipollotto tritato, l'aglio e un filo d'olio. Sfumarle con un bicchiere di vino, coprirle e lasciarle cuocere per circa 5', finché non saranno aperte. Restringere leggermente il fondo di cottura, a fuoco vivace, e cospargere con il prezzemolo tritato.
Tagliare il filoncino, prima a fette e poi a dadini, quindi condirli con un filo d'olio e un pizzico di origano e tostarli in forno.
Versare la zuppetta nelle fondine, aggiungere qualche bocconcino di coda di rospo e 5 - 6 cozze, in parte sgusciate. Completare con i crostini caldi e un filo d'olio.

 
 
Partecipo al contest di Ambra : regalami una ricetta
in collaborazione con Cuoredi
 
 
 Il mio nuovissimo contest!
 
 
 
a al contest " Di Cucina in Cucina " ideato da Barbara del blog Giorni senza fretta  e ospitato questo mese da Alessandra del blog Dolcemente Inventando : le ricette della nostalgia
 
 
 

27 commenti:

  1. Caspita!!!!Ma questa non è la solita minestra!!E ci credo si che è divina!!!!
    Complimenti!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me è piaciuta molto . Grazie Gwendy

      Elimina
  2. Sono arrivata nel tuo blog perchè cercavo qualcosa di speciale e questa è quella che mi ha colpito di più sia per la sua originalità che, immagino, per la sua bontà!!! Mi unisco ai tuoi lettori con molto piacere!
    a presto
    Flora

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Flora, sono felice di conoscerti

      Elimina
  3. Lisa mi stupisci sempre con i tuoi accostamenti di sapori che si traducono in ricette perfette. Una zuppa deliziosa cara ❤️

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero come sei carina, le tue parole mi lusingano davvero.
      Un bacione

      Elimina
  4. Questa è tutt'altro che una brodaglia innacquata :-P
    Che meraviglia..mi ci farei tonda :-)
    Complimenti e grazie di cuore x questa ennesima chicca dalla tua cucina dei ricordi ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahaha, che ridere la tua espressione, la usava sempre mia suocera, che guarda caso è di Viareggio !!!!
      Un bacione Consu

      Elimina
  5. Vabbuò ma questa non è una zuppetta... questa è una signora pietanza con tutti i crismi!!! Io impazzisco per la coda di rospo e per le cozze.... buonissima, complimenti! Un bascione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io adoro la coda di rospo Patty
      tantissimi baci a te

      Elimina
  6. inusuale e molto invogliante, la devo provare! Bellissima l'apparecchiatura !
    baci
    Alice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alice ciao, sono felice che ti piaccia
      Un bacione

      Elimina
  7. Questa è una zuppa straordinaria Lisa! E' talmente invitante e raffinata che vorrei tuffarvi subito un cucchiaio!! Complimenti, Mary

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mery cara, come sono contenta che ti piaccia. Grazie infinite e un abbraccio

      Elimina
  8. Altro che solita zuppa! Questo piatto è un piccolo capolavoro di gusto e raffinatezza. Complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giulia, è un vero piacere conoscerti

      Elimina
  9. Decisamente non la solita zuppa!!! Non ci crederai... sto scrivendo un post per una zuppa (ebbene sì, un piatto salato!!!) e guarda caso, ci metto in mezzo anch'io la mensa scolastica! :D Comunque le trovo anch'io deliziose da gustare nelle sere d'inverno! Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nuova commozione allora, ahahaha. Sono molto ansiosa di leggere il tuo post.
      Un abbraccio cara

      Elimina
  10. Favolosa questa tua ricetta! Complimenti! Favolosi gli abbinamenti, e bellissima presentazione! Veramente bravissimaaa
    Ti abbraccio caramente
    ciaooo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie , sei sempre gentile
      Un abbraccio

      Elimina
  11. io ero come te da bambina, con la differenza che in casa mia la minestra serale era un imperativo!!! non ti dico che gioia :(
    ora invece apprezzo molto minestre, zuppe, vellutate e passati. Certo che la tua è davvero una zuppa fuori dal comune Lisa! altro che!!!! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, devo dire che la immagino davvero la gioia. Ogni tanto mi chiedo se è la stessa che oggi provano i miei bambini quando annuncio la zuppa per cena !!!!!
      Tanti baci

      Elimina
  12. wow, wow, wow
    Lisa,
    Wow!!!!
    Braverrima!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ile, mi sei apparsa all'improvviso, ahahaha. Lo sai che i tuoi commenti li attendo con ansia quando si tratta di pesce.
      Ti abbraccio

      Elimina
  13. Un piatto da vero gourmet!! Grazie mille!!!

    RispondiElimina
  14. si davvero una zuppa diversa!! complimenti e grazie per la ricetta :)) buona domenica, ciao Andrea

    RispondiElimina
  15. Sicuramente non è la solita zuppa, complimenti un piatto fantastico!!!
    Baci

    RispondiElimina