mercoledì 30 settembre 2015

Quiete d ' Autunno

Si respira nell'aria, esplode in bagliori vermigli e si avverte nel silenzio della sera .
Ecco la mia stagione dell'armonia ! Quella che rilassa e conforta , che ricama sottili trame zuccherine e delinea atmosfere intime e familiari.
E non importa che oggi il cielo sia plumbeo e malinconico, io finalmente riaccendo il forno, mi godo il tepore e ricaccio il magone, addentando una focaccia profumata e fumante .

 

Focaccia con fichi , caprino e timo

















 

Ingredienti

600 G FARINA TIPO 1 ( PETRA 3 per pizze e focacce )
200 ML ACQUA
80 ML LATTE
80 G CAPRINO FRESCO
80 G PARMIGIANO REGGIANO
12 G LIEVITO MADRE ESSICCATO
10 - 12 FICHI
6 - 7 RAMETTI DI TIMO FRESCO
5 CUCCH . OLIO EVO
2 CUCCH . DI MIELE DI ACACIA
1 , 5 CUCCH . INI SALE
ZUCCHERO DI CANNA
EMULSIONE DI ACQUA + OLIO EVO ( per pennellare )

200  G PROSCIUTTO CRUDO


La sera precedente : mescolare il caprino con il latte, fino a renderlo cremoso, aggiungere il miele e diluire il tutto con l'acqua tiepida. 
Setacciare la farina con il lievito, sistemarla in una terrina capiente e fare un buco al centro, la fontana . Versarvi la miscela preparata, il parmigiano grattugiato e l'olio, quindi cominciare a impastare, aggiungendo il sale. Amalgamare con cura gli ingredienti, fino ad avere una pasta elastica, liscia e non più appiccicosa. Fare una palla, inciderla a croce e passarla in frigorifero per tutta la notte.
La mattina seguente, riprendere l'impasto, e lasciarlo lievitare, coperto, in luogo tiepido per 8h. Trascorso il tempo di lievitazione, lavorare la pasta per qualche minuto, allargandola su un piano infarinato e piegandola in quattro, in modo da formare un rettangolo. Stenderla con il mattarello e sistemarla su una teglia, foderata di carta di forno, oppure ben unta di olio . Pennellare la superficie con una miscela di acqua e olio evo, coprirla e lasciarla lievitare per un'altra mezz'ora.
Lavare bene i fichi, tagliarli a fettine, non troppo sottili, e sistemarli sulla superficie della focaccia, premendo con delicatezza, per farli leggermente affondare.









Cospargere con due cucchiai di zucchero e le foglioline di timo, quindi infornare a 180° per circa 30', finché la superficie non sarà ben dorata.
Lasciare intiepidire la focaccia, quindi tagliarla a fette e servirla con il prosciutto .



 
 
 
 
Partecipo alla raccolta Panissimo di Agosto e Settembre
 
 
 
PANISSIMO nuovo italia 750

martedì 22 settembre 2015

Mi ritorna in mente . . .

Da bambina trotterellava per la casa con un enorme fazzoletto in testa , fingendo di avere i capelli lunghi come i miei. Mi cantava sempre la canzone dei topini e si intrufolava nel mio letto, ogni volta che i nostri genitori uscivano.
Passava interi pomeriggi a imitare la sua maestra : allineava con cura bambole e peluche lungo il muro della sua cameretta, per poi sgridarli ininterrottamente, urlando come una forsennata . Fatto sta che, un bel giorno, in mezzo a quei pupazzi, ci ha piazzato pure un malcapitato compagno di classe , scioccandolo a morte.
Quando mi sono sposata, ha pianto tutte le sue lacrime, ma non certo perché mi sarei trasferita in un'altra città, quanto piuttosto perché non le avrei più preparato i panini. Diciamo che sono partita con il cuore più leggero !
Poi lei è cresciuta e se n'è andata a Milano . Ma la distanza non si è allungata, perché noi, con il passare del tempo, ci siamo riscoperte amiche, complici e confidenti preziose l'una dell'altra . E quando quest'estate al mare, dopo anni di vacanze condivise, non c'era per le nostre lunghe chiacchierate, le cenette e gli aperitivi al tramonto, mi è mancata tantissimo.
Mi ritorna in mente che domenica è stato il suo compleanno e lei adora i funghi .


Paté di funghi porcini













Ingredienti per 8 - 10 persone


800 G PORCINI
250 G PANNA DA CUCINA
100 G PARMIGIANO REGGIANO
2 SPICCHI D'AGLIO
2 RAMETTI NEPITELLA
SALE
OLIO EVO

CROSTINI

Con l'aiuto di un coltellino affilato, raschiare bene i gambi dei porcini, per eliminare ogni residuo terroso.





Lavare i funghi delicatamente, con un panno umido, asciugarli e affettarli sottili. Saltarli in un'ampia padella con un filo d'olio, la nepitella e l'aglio, per una decina di minuti, quindi coprirli e cuocerli  per altri 20' circa, finché non saranno teneri. Salarli e lasciarli intiepidire.
Eliminare aglio e aromi e frullare i porcini con la panna, fino ad avere una crema liscia.  Aggiungere il parmigiano grattugiato, rimettere il composto sul fuoco e lasciarlo addensare, a fuoco dolce, mescolando.
Versare il paté in una ciotola, coprirlo con la pellicola e farlo raffreddare, quindi passarlo in frigorifero per qualche ora a rassodare, avendo cura di tirarlo fuori 30' prima di servirlo.
Accompagnare il paté con fettine di pane, leggermente tostate .
 


Partecipo al contest di Ileana del blog Cucina per gioco e Carla del blog Tiramiblu  : " Amicizia "



venerdì 18 settembre 2015

Impressioni di settembre

E' un po' come ricominciare .
Di colpo, i ricordi d'estate sbiadiscono e l'odore di creme solari e salsedine si mescola a quello di astucci nuovi e quaderni da incignare. Di colpo, quel velo di malinconia che aleggia , al lento accorciarsi dei giorni , cede il passo alla beata quiete domestica. Di colpo l'aria si fa più leggera e i risvegli frizzantini. Di colpo, è di nuovo Settembre !
E dopo tanto mare, ho trascorso gli ultimi scampoli di queste lunghe e benefiche vacanze, in una campagna ancora immersa nel tepore e nei profumi estivi . Li ho colti e portati con me, magari combinandoli con qualche dolce primizia di stagione.




Riso basmati con peperoni in agrodolce, uva e pinoli

  












Ingredienti per 4 persone


280 G RISO BASMATI
5 PEPERONI GIALLI , ROSSI E VERDI
1 CIPOLLA ROSSA DI TROPEA 
1 SPICCHIO D'AGLIO
35 ACINI D'UVA ROSATA SENZA SEMI
2 - 3 MANCIATE DI PINOLI
2 CUCCH . DI ZUCCHERO DI CANNA
BASILICO , ERBA CIPOLLINA
ACETO BALSAMICO
SALSA DI SOIA
SALE
OLIO EVO
OLIO DI SEMI DI SESAMO ( oppure OLIO EVO LEGGERO )


Lavare i peperoni, privarli del picciolo e dei semini interni, quindi tagliarli a pezzetti . Tritare la cipolla, spellare e dividere a metà l'aglio . Riunire il tutto in un ampia padella e lasciare insaporire per qualche minuto, a fuoco medio. Salare, insaporire con qualche foglia di basilico, coprire e cuocere finché i peperoni non saranno ammorbiditi, mescolando di tanto in tanto. Sfumare con 2 - 3 cucchiai d'aceto e cospargere con lo zucchero, lasciare parzialmente evaporare, quindi unire gli acini d'uva, divisi a metà, e i pinoli. Cuocere per un'altra decina di minuti, poi scoperchiare, alzare la fiamma, restringere leggermente, spegnere e tenere in caldo.
Nel frattempo lessare il riso, in abbondante acqua salata bollente. Scolarlo al dente ( circa 10' ),
passarlo in una terrina e lasciarlo raffreddare. 
Scaldare un filo d'olio di semi nel wok ( oppure in una padella anti aderente ) e saltare velocemente il riso, a fuoco vivace, aggiungere il condimento preparato, amalgamando con cura, e completare con una spruzzata di salsa di soia. 
Profumare con qualche stelo d'erba cipollina tagliuzzato e alcune foglioline di basilico, e servire