venerdì 18 marzo 2016

A Pasqua ma non solo

Interrogato dalla maestra su quale fosse il piatto più buono preparato dalla mamma, il mio bambino ha candidamente risposto " le costolette d'agnello ", scioccandola a morte.
In effetti non è proprio una predilezione così scontata , visto e considerato che c'è chi, dell'agnello, non sopporta neppure l'odore, e chi non lo ammetterebbe mai alla sua tavola per rispettabilissime ragioni etiche .
Ma qui, non servono occasioni speciali per preparalo e soprattutto se ne mangia in quantità industriali . E allora, prima di tuffarmi in questo weekend , dalle assolate speranze, vi lascio la sua ricetta perfetta.
Buon fine settimana



Costolette d'agnello laccate al miele

con salsa all'aglio e tortino di patate

















Ingredienti per 4 persone


20 costolette d'agnello
2 spicchi d'aglio
3 - 4 foglie di menta
2 rametti di mirto , rosmarino , salvia e timo
2 foglie d'alloro
1 limone n . t.
miele d'acacia
sale
olio evo

Per la salsa
120 g yogurt tipo greco
5 spicchi d'aglio
3 tuorli d'uovo sodi
Worcestershire sauce
1foglia di menta
1/2 limone
latte q . b .
sale
olio evo

Per i tortini
3 patate da purè
erba cipollina
sale
olio evo

Insalatina
Timo , origano , menta
olio evo



Eliminare dalle costolette il grasso in eccesso, quindi adagiarle su un piatto. Pennellarle con il miele, profumarle con gli aromi, gli spicchi d'aglio, divisi a metà, e il limone a fettine. Irrorarle con un filo d'olio, coprirle e lasciarle insaporire per almeno due d'ore , girandole di tanto in tanto.






Nel frattempo, lessare le patate, in abbondante acqua salata. Scolarle, pelarle e passarle, ancora calde allo schiaccia patate, oppure schiacciarle con una forchetta. Salarle, condirle con un filo d'olio e un trito d'erba cipollina, quindi lavorarle, fino ad avere un composto liscio e omogeneo.
Per la salsa : spellare gli spicchi d'aglio, passarli in un pentolino e coprirli a filo di latte. Aggiungere la menta, un pizzico di sale e cuocerli a fuoco dolce, finché non saranno morbidi ( circa 20' - 30' ). Scolarli, lasciali intiepidire, quindi frullarli con i tuorli, lo yogurt, il succo di mezzo limone, una spruzzata di Worcester sauce  e un pizzico di sale, versando l'olio a filo, fino ad avere una salsa gonfia e liscia, come la maionese. Aggiustarla di sapore e versarla in una salsiera.
Scaldare bene una gratella, cospargerla di sale e grigliarvi le costolette , sgocciolate dalla marinata,  non più di 5' per parte, a fuoco medio ( devono caramellarsi fuori e restare rosate all'interno) . Allinearle su un piatto, profumarle con foglioline di timo, menta e origano e irrorarle con un filo d'olio
Con l'aiuto di un coppa pasta, modellare, nei singoli piatti, i tortini di patate, esercitando una leggera pressione per compattarli. Aggiungere le costolette e servire il tutto con la salsa.





11 commenti:

  1. UNA RICETTA DAVVERO PERFETTA, LO CREDO CHE TUA FIGLIO L'ADORA!!!!!CHE BELLE FOTO, FANNO VENIRE L'ACQUOLINA IN BOCCA!!!BRAVISSIMA!!!BACI SABRY

    RispondiElimina
  2. A casa mia chi va matto per l'agnello è il mio compagno (lo cucino solo per lui!!),io personalmente non lo mangio,non tanto per ragioni etiche (altrimenti dovrei smettere di mangiare e cucinare carne) ma perchè ha un odore e un sapore un pò forte.Ad ogni modo la tua preparazione mi piace e potrebbe essere un modo diverso di cucinarlo visto che solitamente lo preparo panato e fritto.
    Un bacione,mia cara e buon fine settimana :-)

    RispondiElimina
  3. Lisa io amo l'agnello, lo adoro e queste costolette sono davvero invitanti! Mi piace moltissimo anche l'impiattamento, molto chic! Un bascione e buon we

    RispondiElimina
  4. Premetto che non ho mai mangiato l'agnello ma devo ammettere che il tuo piatto è così elegante che potrei (forse) cedere in tentazione...complimenti Lisa e felice we (dalle assolate speranze..) :-P

    RispondiElimina
  5. Complimenti, il tuo bambino sa scegliere le cose buone. Questo piatto è favoloso !

    RispondiElimina
  6. boh perchè sotto choc?.. spero che non ti abbia consigliato (come è di moda fare ultimamente..) di portarlo dalla psicologa... bravo l'omino di casa! buongustaio :-)

    RispondiElimina
  7. Complimenti Lisa, un piatto raffinatissimo e per me irresistibile.... adoro le costolette!!!!

    RispondiElimina
  8. Rispetto le idee e opinioni altrui ma capisco chi non piace o non sopporta l'odore quindi lo mangia gia cotto ma da questo dire che dobbiamo solvagiardare "solo a Pasqua" gli ovini con tutte le tradizioni regionali che ci sono in Italia che si perdono nella notte dei tempi mi sembra più una moda. Tutto l'anno nessuno dice nulla a Pasqua riarriva di nuovo. Certo capisco anche quelli che la carne non la mangiano per niente di nessun tipo. Io ne mangio poca ma l'agnello e/o capretto mi piace moltissimo e queste do ragione a figlio devono essere sfiziosissime e quindi preso nota.
    Grazie e buona domenica.

    RispondiElimina
  9. davvero invitante questa ricetta ma perchè limitarla a Pasqua, come dici anhe tu? Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  10. Io non lo mangio spesso ma cucinato cosi' deve essere buonissimo. Ricetta salvata . Baci cara

    RispondiElimina
  11. Tanti cari auguri di una serena Pasqua a te e famiglia!
    Alice

    RispondiElimina