mercoledì 21 giugno 2017

L ' Estate comincia adesso

Una pioggia di pomodori che finalmente sanno di buono, il profumo degli aromi appena colti e bottarga fresca a profusione . . . Quasi , quasi mi riconcilio con la pasta .
IDEA MENU' in rosso : prepariamo il primo più estivo e semplice che ci sia .



Cavatelli

con pomodorini , limone , pinoli e bottarga




















Ingredienti per 4 persone


320  GR CAVATELLI
800 GR POMODORINI PICCADILLY
40 G PINOLI
BOTTARGA DI MUGGINE Q . B .
1 SPICCHIO D'AGLIO
1 LIMONE BIO
BASILICO , ORIGANO
ZUCCHERO DI CANNA
SALE
OLIO EVO


Lavare e asciugare i pomodorini, quindi dividerli a metà, eliminare i semi e tagliarli a pezzetti .
In un'ampia padella, scaldare un giro d'olio con l'aglio schiacciato, poi aggiungere i pomodorini, la scorzetta di limone, i pinoli e un rametto di basilico e origano . Salare , cospargere con un cucchiaino di zucchero di canna e saltare il tutto, a fuoco vivace, per 3 - 4 minuti, finché i pomodori non saranno caramellati  . Spegnere il fuoco, eliminare l'aglio e lasciare intiepidire.
Nel frattempo lessare la pasta al dente, trasferirla nella padella con il sugo e unire abbondante bottarga grattugiata al momento . Amalgamare con cura , versare i cavatelli in una terrina, profumarli con qualche fogliolina di basilico e servire .









Per le altre portate






Antipasto Consu :  Dip di barbabietole rosse e menta

Primo       Io

Secondo   Linda : Pomodorini al forno con feta e olive
   
Dolce       Sabrina: Cremosa allo yogurt con composta di fragole e rabarbaro 

5° portata Carla : Pomodori gratinati al forno

giovedì 15 giugno 2017

Mi prendo e mi porto via

Insomma, non è proprio la settimana che vorrei, per di più fa caldo e l'idea di sfidarlo non mi alletta un granché .  Così, accarezzando il sogno della fuga perfetta, mi affido al lieve venticello che invade la casa al mattino, preparo qualcosa di buono e non ci penso più .



Filetto di manzo

con ciliegie marinate e salsa verde
















Ingredienti per 6 persone


1 KG FILETTO DI MANZO
3 RAMETTI DI ROSMARINO , SALVIA E TIMO  
1 RAMETTO DI LAVANDA
2 FOGLIE DI ALLORO
2 SPICCHI DI AGLIO
2 BACCHE DI GINEPRO
2 CHIODI DI GAROFANO
NOCE MOSCATA
VINO BIANCO
SALE COMUNE , SALE AROMATICO
OLIO EVO

Per la salsa
100 G BASILICO
50 G PREZZEMOLO
1 PATATA LESSA
1 CUCCH . INO MIELE DI ACACIA
1 SPICCHIO D'AGLIO NOVELLO
SALE
OLIO EVO

600 G CILIEGIE
1 CIPOLLOTTO ROSSO
BASILICO
LIME


Legare la carne con lo spago e sistemarla  in una casseruola con l'aglio, gli odori e le spezie. Condirla con un buon giro d'olio, coprirla e lasciarla insaporire per un'ora.




Trascorso il tempo, rosolare il filetto su ogni lato, salando con il sale comune e quello aromatico. Abbassare la fiamma e cuocere per altri 20' , girando la carne di tanto in tanto. Spegnere il fuoco, posizionare il filetto su un tagliere e lasciarlo riposare . Nel frattempo, deglassare il fondo di cottura con un bicchiere di vino, farlo leggermente restringere, a fuoco medio, e filtrarlo .
Lavare e asciugare le ciliegie, tagliarle a metà ed eliminare il nocciolo . Riunirle in una terrina, spruzzarle con il succo di mezzo lime e aggiungere il cipollotto tritato, il lime rimasto a fettine e abbondante basilico . Amalgamare il tutto e lasciare marinare .






Per la salsa . Riunire nel bicchiere del frullatore le foglie di basilico e prezzemolo , la patata, l'aglio, il miele e qualche scorzetta tritata di lime. Azionare l'apparecchio versando un filo d'olio e qualche cucchiaio del sugo del filetto . Continuare a frullare finché la salsa non avrà una consistenza densa e liscia.
Affettare la carne e allinearla su un piatto, irrorarla con il sugo rimasto e completare con l'insalatina di ciliegie preparata . Servire con la salsa a parte.








mercoledì 7 giugno 2017

Tentazioni etniche

Settimane di latitanza e a tempo libero zero, ma è quasi estate e il countdown verso la libertà è finalmente iniziato.
Così, visto che la bella stagione ha l'inebriante profumo delle erbette fini e degli ortaggi più buoni e colorati che ci siano, vi suggerisco una salsa, di origine mediorientale, dall'irresistibile sapore affumicato e speziato, perfetta come antipasto, contorno o base per un ricco pinzimonio. Personalmente la adoro spalmata sul pane caldo , specie se si tratta di quei soffici e deliziosi panini arabi che non smetterei mai di sbocconcellare .
IDEA MENU' , per un'indimenticabile cena etnica , comincia con l'antipasto :



Caviale di melanzane e tahina

( Baba Ganush )

















Ingredienti per 6 persone

1,4 KG DI MELANZANE ( circa 3 )
1 e 1/2 CUCCH . DI TAHINA ( Crema di sesamo )
1 SPICCHIO D'AGLIO
1 LIMONE BIO
CUMINO
MENTA , PREZZEMOLO O CORIANDOLO
SALE
OLIO EVO


Lavare le melanzane, bucherellarle con i lembi di una forchette e adagiarle in una teglia, rivestita di carta forno . Infornarle a 200 ° per circa 40 ' , finché non saranno tenere .
Lasciarle intiepidire , sbucciarle e raccogliere la polpa in una terrina, avendo cura di eliminare i semi. Aggiungere l'aglio tritato, il succo di limone, un cucchiaino di cumino, la tahina e una presina di sale. Amalgamare il tutto, versando l'olio a filo e schiacciando bene il composto fino a ridurlo in crema ( oppure riunire gli ingredienti nel bicchiere del frullatore e azionarlo unendo pian piano l'olio ). Trasferire la salsa in una ciotola e passarla un paio d'ore in frigorifero a rassodare .
Poco prima di servire, irrorare la superficie con un filo d'olio e cospargere con un trito di menta, prezzemolo o coriandolo e , volendo, un po' di paprika.









Per le altre proposte etniche :








Antipasto  Io         Baba Ganush
Primo       Linda    Noodle con gamberi e latte di cocco
Secondo   Sabrina Upma di verdure con farina di mais (India)
Dolce       Carla     Basbousa (Libano
5° portata Consu   Pane Pita con lievito madre

mercoledì 24 maggio 2017

Giallo come il sole

L'estate incalza, infondendo buonumore, leggerezza e voglia di abbandonarsi a quei piccoli e impagabili rituali che rendono ogni tramonto perfetto. 
IDEA MENU in " giallo e arancio " , cominciamo dall'aperitivo .




Paté di peperoni gialli

con yogurt e basilico




















Ingredienti per 6 - 8 persone


1 KG PEPERONI GIALLI ( circa 4 medi )
150 G YOGURT BIANCO TIPO GRECO
4 CUCCH . PARMIGIANO
1 CUCCH . ZUCCHERO DI CANNA
1 SPICCHIO D'AGLIO
1 CIPOLLOTTO
BASILICO , ORGANO
ACETO BIANCO DI MELE
SALE
OLIO EVO


Lavare i peperoni, asciugarli e sistemarli in una placca , coperta di carta forno . Infornarli a 200 ° per circa 30', girandoli spesso, finché non saranno ben abbrustoliti. Estrarli dal forno, chiuderli in un sacchetto di plastica per alimenti e lasciarli intiepidire .
Spellarli, tagliarli a tocchetti e trasferirli in un 'ampia padella con l'aglio, 5 - 6 rametti di origano e basilico e qualche rotella di cipollotto.







Irrorarli con un giro d'olio e lasciarli insaporire per dieci - quindici minuti, a fuoco medio. Salare, sfumare con un cucchiaio scarso d'aceto, farlo leggermente evaporare e cospargere con lo zucchero. Alzare la fiamma, caramellare i peperoni , sempre mescolando, e restringere bene il fondo di cottura . Spegnere, eliminare l'aglio, cospargere il tutto con il parmigiano grattugiato e lasciare raffreddare . Frullare i peperoni con lo yogurt e un filo d'olio, fino ad avere una crema densa e liscia, quindi trasferirla in una ciotola e passarla in frigorifero per un paio d'ore a rassodare .
Servire con crostini tostati .



Per le altre portate :







mercoledì 17 maggio 2017

La terra degli asparagi

Uno dei motivi per cui, in questo angolo di Veneto, si attende con ansia l'arrivo della Primavera, è l'ingordigia diffusa di asparagi bianchi , specie se a marchio DOP . Troneggiano  ammalianti e fieri ovunque , dai banchi del mercato alle vetrine di ogni ortolano che si rispetti , e non c'è ristorante della zona che non dedichi ai blasonati turioni prodigiose degustazioni .
Personalmente, non mangerei che quelli e li trovo semplicemente irresistibili trasformati in candida e morbida crema. Ma  se per caso occorresse darle un senso , in un giorno assolato di Maggio , servitela tiepida, inondata di micro polpette, sono certa che vi conquisterà!



Crema tiepida di asparagi

con polpettine di robiola di capra , erba cipollina e pistacchi




















Ingredienti per 4 persone ( o 14 - 16 monoporzioni )


1 KG ASPARAGI BIANCHI DI BASSANO
1 CIPOLLA NOVELLA
NOCE MOSCATA
SALE OLIO EVO

Per le polpettine ( dosi per 50 )
400 GR ROBIOLA FRESCA DI CAPRA
40 STELI DI ERBA CIPOLLINA
50 PISTACCHI TOSTATI
SALE
OLIO EVO


Lavare gli asparagi, eliminare la parte finale, legnosa, del gambo ( più o meno 4 cm ), quindi con uno spelucchino, o pelapatate, raschiare lo strato esterno. Tagliarli a rotelle, tenendo intere le punte,  e farli insaporire per qualche minuto, in un tegame, con un filo d'olio e la cipolla tritata. Salare, coprire a filo d'acqua, mettere il coperchio e cuocere per 15'. Aggiungere le punte e continuare la cottura per altri 20' circa, finché non saranno teneri . Lasciare intiepidire, prelevare le punte e ridurre il resto in crema, con l'aiuto di un frullatore a immersione.
Per le palline di robiola.
Frullare i pistacchi in granella finissima.
Mescolare, in una ciotola,  la robiola con un filo d'olio, l'erba cipollina tritata, un pizzico di sale e una spolverata di noce moscata. Amalgamare con cura il composto e modellare con le mani tante palline , grosse come una nocciola. Passarle nella granella di pistacchio, allinearle su un piatto e trasferirle in frigorifero a rassodare.
Versare la vellutata nelle singole fondine e completare con le polpettine, le punte tenute da parte e un filo d'olio.











Partecipo al contest del blog Il pomodorino confit : Prelibatezze da buffet
in collaborazione con Antico Molino Rosso






mercoledì 10 maggio 2017

Come le fragole per il cioccolato

Mi piace pensare che ogni mamma sia , a suo modo, un po' così . Bellezza che incanta , profumo che avvolge e dolcezza che dissolve l'amaro, regalando piccoli frammenti di felicità .

Idea menù per La festa della mamma . Io vi offro il dolce !


Torta Tenerella

con le fragole

( di Maurizio Santin )


















Ingredienti per 6 persone


200 G CIOCCOLATO FONDENTE
100 G BURRO
100 G ZUCCHERO ( per me 60 G )
60 G FARINA
4 UOVA

300 G FRAGOLE

Separare i tuorli dagli albumi.
Sciogliere a bagnomaria il cioccolato con il burro, alla temperatura di 50° . Lasciarlo intiepidire, quindi amalgamare i tuorli, uno alla volta, con l'aiuto di una frusta. Versare la farina setacciata e mescolare con cura.
Montare a neve ben ferma gli albumi, aggiungendo gradualmente lo zucchero, quando iniziano a schiumare. Incorporarli al composto di cioccolato, mescolando con molta delicatezza dal basso verso l'alto, per non smontarli .
Trasferire l'impasto in uno stampo circolare ( 20 cm di diametro ) , imburrato e infarinato, oppure rivestito di carta forno, e infornare a 170 ° per circa 20 ' ( la ricetta prevede 12' - 13 ' di cottura, io ci ho messo di più ), finché non si sarà formata una leggera crosticina in superficie, ma l'interno sarà ancora morbido e umido .
Sfornare la torta, lasciarla intiepidire quindi sformarla su un piatto e decorarla con le fragole .



Per le altre portate :







Antipasto : Sabrina Mini gazpacho di asparagi con fave croccanti

Primo : Carla Tortellini alla mediterraneo

Secondo : Consu  Burger di lenticchie rosse e okara di canapa

5° portata Linda : Focaccia semplice con pomodorini



giovedì 4 maggio 2017

L ' insalata perfetta

4 Maggio esterno giorno : cielo plumbeo, nuvoloni neri che offuscano l'orizzonte, sporadici e sbiaditi raggi di sole, che tentano invano di fare capolino, e un sottile venticello gelido che scompiglia anche la mente . . . " Tristezza per favore vai via " .
Io rimedio con una fresca e sana insalata !
In fondo , sarà pur vero che una rondine non fa Primavera, ma con asparagi, fragole e piselli ci possiamo provare .



Moscardini con asparagi , piselli e fragole





















Ingredienti per 4 persone


800 G MOSCARDINI
250 G PISELLI GIA' SGRANATI
12 -  15 ASPARAGI
1 CESTINO DI FRAGOLE
1 CIPOLLA
1 COSTA DI SEDANO
1 LIMONE
ACETO
SALE
OLIO EVO

Per la salsa
1 MAZZETTO DI PREZZEMOLO
1 CUCCH . INO DI MIELE DI ACACIA
1/2 LIMONE
SALE
OLIO EVO

MISTICANZA
AROMI FRESCHI

Sciacquare abbondantemente i moscardini, rivoltare la testa ed eliminare le interiora ( facoltativo ), poi rimuovere il becco e gli occhi.
Portare a ebollizione abbondante acqua salata, aromatizzata con una cipolla, una costa di sedano, una foglia di alloro, mezzo limone e una spruzzata di aceto. Immergere i moscardini 2 o 3 volte nell'acqua , tenendoli dalla testa, per arricciare i tentacoli, quindi lessarli, per circa 40', finché non saranno teneri. Spegnere il fuoco e lasciarli raffreddare nel loro brodo.
Nel frattempo, lavare gli asparagi, eliminare la parte finale, legnosa, del gambo ( più o meno 4 cm ), quindi, con uno spelucchino, o pelapatate, raschiare lo strato esterno. Separare le punte dai gambi, sbollentarle per qualche minuto in acqua bollente salata, quindi scolarle, lasciarle intiepidire e dividerle a metà. Tagliare i gambi a nastro, salarli e condirli con un filo d'olio.
Sbollentare i piselli in acqua salata per circa 7' - 8' minuti, scolarli e tuffarli in acqua e ghiaccio, per fermare la cottura e mantenere vivo il colore .
Per la salsa : lavare e asciugare le foglie di prezzemolo, frullarle con un cucchiaio di piselli e gli altri ingredienti, quindi aggiustarla di sapore, filtrarla e trasferirla in una ciotolina.
Lavare le fragole, asciugarle e affettarle .
Mondare l'insalatina e riunirla in una terrina con gli asparagi, i pisellini e le fragole. Salare leggermente e profumare con qualche fogliolina di origano e basilico .
Scolare i moscardini, aggiustarli di sale, condirli con la salsa preparata e servirli con l'insalata .





in collaborazione con Snips










giovedì 27 aprile 2017

Pescatrice in verde

Torna l'appuntamento con la rubrica IDEA MENU', che vede protagoniste questa settimana 5 ricette
dalle verdi sfumature .
Così, visto che fuori piove e fa freddo, qui ci confortiamo col mare e una salsina dall'inatteso sapore. Che' oggi è giovedì e poi sarà ancora un lungo e benefico weekend.




Coda di rospo in carta fata

con tartare di mela verde e maionese di avocado e aglio orsino






















Ingredienti per 4 persone


1 KG CODA DI ROSPO ( già pulita e privata della pelle )
2 SPICCHI D'AGLIO
2 FOGLIE DI MENTA
2 RAMETTI DI ORIGANO E MAGGIORANA
1 RAMETTO DI FINOCCHIETTO , ROSMARINO , SALVIA E TIMO
1 FOGLIA DI ALLORO
1 CIPOLLOTTO
1/2 LIMONE BIO
1/2 ARANCIA BIO
BASILICO , ERBA CIPOLLINA , PREZZEMOLO
LEMONGRASS ( CITRONELLA )
SALE COMUNE E AFFUMICATO

Per la salsa
1 AVOCADO GRANDE
15 FOGLIE DI AGLIO ORSINO
1/2 LIMONE
SALE
OLIO EVO

Per completare
2 MELE GRANNY SMITH
1/2 LIMONE
ERBA CIPOLLINA
SALE
OLIO EVO
MISTICANZA


Sciacquare la coda di rospo, asciugarla e adagiarla su un piatto, poi salarla con il sale comune e quello affumicato e cospargerla con un pizzico di noce moscata. Inserirla in un sacchettino di carta fata con l'aglio affettato, il cipollotto tritato, gli aromi , il lemongrass e qualche fettina di arancia e limone , quindi chiudere il sacchetto, sigillandolo bene .






Trasferirlo in una pirofila e infornare a 180 ° C per circa 30', finché non sarà bello gonfio.
Per la maionese . Sbucciare l'avocado, dividerlo a metà, eliminare il nocciolo, tagliarlo a cubetti e spruzzarlo con il succo di limone per non farlo annerire. Riunirlo nel bicchiere del frullatore con un pizzico di sale e l'aglio orsino spezzettato, quindi cominciare a frullare versando l'olio a filo fino ad avere una salsa densa e liscia. Aggiustarla di sapore e trasferirla in una ciotola.
Per la tartare . Lavare e asciugare le mele, eliminare il torsolo e ridurle in piccola dadolata, poi passarle in una terrina, irrorarle con il succo di limone, unire qualche stelo d'erba cipollina tagliuzzato e un pizzico di sale. 
Estrarre il pesce dal forno, aprire il cartoccio e lasciarlo intiepidire per qualche minuto, poi eliminare la lisca centrale e scaloppare i due filetti.
Con l'aiuto di un coppapasta, sistemare la tartare nei singoli piatti e adagiarvi sopra la coda di rospo, irrorare con un filo d'olio e profumare con qualche aroma. Servire con la misticanza e la maionese.




Per gustare le altre portate :






Carla : Rocchetti di peperone con asparagi

Consu : Vellutata di asparagi e violette

Linda : Crostata al lime curd e basilico

Sabrina : Insalata di sedano rapa , cipollotto e semi di canapa



venerdì 21 aprile 2017

Quinoa di Primavera

Archiviata la Pasqua e il suo tepore, capita di ritrovarsi, ad Aprile inoltrato, sospesi tra il desiderio più invernale che ci sia , di zuppe e focolare, e l'incontenibile voglia di crogiolarsi al sole, sbocconcellando qualcosa di buono.
Io confido nel  weekend e magari fantastico un po' sulle domeniche assolate che verranno.




Polpette di quinoa e asparagi



















Ingredienti per 32 polpette


500 G ASPARAGI
200 G QUINOA
80 G PARMIGIANO REGGIANO
5 - 6 CUCCH . DI PANGRATTATO
2 UOVA
1 CIPOLLOTTO
1 MAZZETTO DI ERBA CIPOLLINA
CURCUMA
NOCE MOSCATA
SALE
OLIO EVO

Per la salsa
150 G YOGURT BIANCO, TIPO GRECO
5 RAMETTI DI PREZZEMOLO
5 - 6 STELI DI ERBA CIPOLLINA
3 RAMETTI DI BASILICO
1 CUCCH . INO DI SENAPE DELICATA
1 CUCCH . INO DI MIELE D'ACACIA
SALE
OLIO EVO

MISTICANZA


Lavare gli asparagi, eliminare la parte finale, legnosa, del gambo ( più o meno 4 cm ), quindi con uno spelucchino, o pelapatate, raschiare lo strato esterno. Tagliarli a rotelle, tenendo intere le punte,  e farli insaporire per qualche istante, in un'ampia padella, con un filo d'olio e il cipollotto tritato. Salare, coprire e cuocere 10'. Aggiungere le punte e continuare la cottura per altri 15' circa, finché non saranno teneri, quindi alzare il fuoco e far asciugare bene il fondo . Spegnere e lasciarli raffreddare. 
Nel frattempo, sciacquare abbondantemente la quinoa .
Portare a ebollizione 400 ml di acqua ( si calcola un volume d'acqua pari al doppio del peso della quinoa ) , salarla, unire un cucchiaio d'olio e versarvi a pioggia la quinoa. Coprire e cuocere, a fuoco basso, per circa 20', finché non avrà assorbito tutta l'acqua e risulterà tenera, quindi trasferirla in una terrina e sgranarla con una forchetta .
Tritare gli asparagi ( oppure frullarli brevemente ), tenendo da parte le punte, trasferirli in una ciotola e aggiungere le uova, il parmigiano, le spezie e un pizzico di sale. Mescolare il composto con la quinoa, profumare con un trito di erba cipollina e unire il pangrattato. Amalgamare il tutto con cura e passare un'ora in frigorifero a rassodare.
Formare con l'impasto tante polpettine, leggermente schiacciate, aiutandosi con un po' di pangrattato, se dovesse risultare troppo morbido. Spolverizzarle con altro pangrattato e allinearle su una placca , foderata di carta forno. Irrorarle con un buon giro d'olio e infornarle a 180 ° per circa 20' , girandole a metà cottura .
Per la salsa : riunire nel boccale del frullatore lo yogurt, gli aromi tritati, il miele e la senape, aggiungere un pizzico di sale e un filo d'olio, quindi frullare il tutto, fino ad avere una crema densa e liscia.
Lavare e asciugare la misticanza, riunirla in una terrina con le punte degli asparagi, salare , irrorare con un filo d'olio e mescolare bene.
Servire le polpette con la salsa e l'insalatina






Partecipo al contest del blog Il pomodorino confit : Prelibatezze da buffet