giovedì 19 ottobre 2017

L'Autunno può attendere

Così, in un giorno caldo e svogliato, rubo tempo al tempo e mi perdo un po' tra sfumature ottobrine e improvvise esplosioni d'estate  .











In fondo, come avverte il meteo, in questi ultimi scampoli di tepore assolato, resta giusto il tempo per un istante di leggerezza e , magari, un'indimenticabile insalata .





Insalatina di polpo 

con avocado , mango , burrata e briciole di tarallo


















Ingredienti per 4 persone

Per il polpo
1 POLPO ( circa 800 gr )
1 CIPOLLA , 1 CAROTA , 1 COSTA SEDANO
1 LIMONE
1 FOGLIA DI ALLORO
VINO BIANCO
SALE

Per l'insalatina
10 - 12 DATTERINI ROSSI
10 - 12 DATTERINI GIALLI
4 - 5 CUCCH . DI OLIVE TAGGIASCHE
8 TARALLI PUGLIESI
2 AVOCADO
1 MANGO
1 LIMONE
1/2 CIPOLLA ROSSA DI TROPEA
BASILICO , ERBA CIPOLLINA , E PREZZEMOLO
SALE 

Per condire
2 -3 RAMETTI DI BASILICO
2 - 3 RAMETTI DI PREZZEMOLO
1 SPICCHI D'AGLIO
1/2 ARANCIA
1 CUCCH . INO DI MIELE DI ACACIA
OLIO EVO



Eviscerare il polpo, rimuovere gli occhi e il becco, quindi lavarlo bene sotto l'acqua corrente.
Portare  a ebollizione abbondante acqua , aromatizzata con una costa di sedano, una cipolla, una carota, mezzo limone, l'alloro e una spruzzata di vino bianco. Prendere il polpo per la testa e immergere i tentacoli per 3 volte consecutive nell'acqua bollente, per farli arricciare. Infine lasciarlo ricadere e cuocerlo , a fuoco dolce , per circa 1h'. Il polpo sarà pronto quando, pungendolo con uno stecchino, sull'attaccatura dei tentacoli, questo entrerà facilmente.
Spegnere il fuoco e lasciare raffreddare il polpo nel suo brodo .
Nel frattempo, lavare gli aromi, asciugarli e frullarli con il succo d'arancia, il miele e l'olio fino ad avere un'emulsione fluida, trasferirla in una ciotolina con l'aglio schiacciato, coprirla e farla insaporire .
Lavare i datterini, tagliarli a spicchietti, salarli e porli su un foglio di carta assorbente, affinché perdano un po' della loro acqua.
Sbucciare gli avocado, dividerli a metà, eliminare il nocciolo, tagliarli a cubetti e spruzzarli con il succo di limone per non farli annerire. Sbucciare anche il mango, ridurlo in dadolata e spruzzarlo con il limone rimasto. Tritare la cipolla.
Trasferire la frutta e la verdura in una terrina , con le olive, l'erba cipollina tagliuzzata, qualche scorzetta di limone e amalgamare bene .
Scolare il polpo, spellarlo delicatamente per non staccare le ventose, tagliarlo a pezzetti e unirlo agli altri ingredienti. Aggiustare di sale, irrorare con l'intingolo preparato, coprire e lasciare insaporire il tutto per circa mezz'ora, a temperatura ambiente.
Eliminare l'aglio, sistemare l'insalata di polpo su un piatto con la burrata, profumare con qualche aroma fresco e completare con i taralli grossolanamente tritati .







mercoledì 11 ottobre 2017

Una zuppa ci salverà

Vi capita mai di aprire il frigorifero alla ricerca di un'idea, trovandolo semi vuoto o di scrutare invano una dispensa infelice ? Io puntualmente vengo colta da quell'indomabile ansia che svuota la mente e muta ogni dilemma in tragedia . Ma poi , recuperata la debita calma, di colpo mi accorgo che il rimedio è sempre stato lì .
Così, in questo inizio d'ottobre infiammato dal sole e da panorami ambrati, mi calo nel mood autunnale riscoprendo una vecchia ricetta, che pareva ormai perduta .




Vellutata speziata di carote

con yogurt greco e granella di noci e pecorino



















Ingredienti per 4 persone


700 GR CAROTE
2 PATATE ROSSE 
1 CIPOLLA DOLCE
1 RAMETTO DI MAGGIORANA , MENTUCCIA E SALVIA
1 FOGLIA DI ALLORO
1 CUCCH . INO DI CURCUMA
1 CUCCH . INO DI CUMINO
NOCE MOSCATA
SALE
OLIO EVO

Per completare
YOGURT GRECO
10 - 12 GHERIGLI DI NOCE
100 G PECORINO SEMISTAGIONATO
MAGGIORANA , MENTUCCIA


Lavare le carote, eliminare le estremità, raschiarle e tagliarle a tocchetti. Sbucciare le patate, sciacquarle e ridurle in dadolata. Pelare e tritare la cipolla.
Riunire le verdure in un tegame, salarle, condirle con un filo d'olio e profumarle con gli aromi freschi, la curcuma, il cumino e abbondante noce moscata . Farle insaporire per qualche minuto, a fuoco dolce, quindi versare l'acqua a filo, coprire e cuocere per circa 40', mescolando di tanto in tanto.
A cottura ultimata, eliminare gli aromi, ridurre il tutto in crema , aggiustare di sapore e tenere in caldo.
Frullare le noci e il pecorino, fino ad avere una granella fine . 
Versare la vellutata nelle singole fondine, irrorarla con un filo d'olio, aggiungere un cucchiaio di yogurt e completare con la granella e qualche fogliolina di maggiorana e mentuccia.





lunedì 2 ottobre 2017

Mi fa stare bene

Prima di sprofondare nella stagione dei maglioni pesanti e delle tazze bollenti, mi crogiolo , ancora per un po' , al tepore gentile del sole, gustando deliziose insalate .




Insalatina di pollo

con prugne rosse , Asiago di malga e noci pecan




















Ingredienti per 4 - 6 persone


1 PETTO DI POLLO A FETTINE
200 G ASIAGO FRESCO DI MALGA
20 NOCI PECAN
10 - 12 PRUGNE ROSSE
2 RAMETTI DI ROSMARINO , SALVIA E TIMO
2 FOGLIE DI ALLORO
2 SPICCHI D'AGLIO
1 LIMONE
1/2 CIPOLLA ROSSA 
BASILICO , ERBA CIPOLLINA , MAGGIORANA
MISTICANZA
NOCE MOSCATA
SALE
OLIO EVO

Per condire
150 ML OLIO EVO
3 CUCCH . INI SENAPE
2 CUCCH . INI MIELE
1 ARANCIA
CURCUMA IN POLVERE
SALSA DI SOIA


Versare in una ciotola 5 - 6 cucchiai d'olio e profumarlo con gli spicchi d'aglio, spellati e divisi a metà, mezzo limone a fettine e gli aromi . Coprire e tenere da parte.
Scaldare bene una piastra e cospargerla di sale.
Insaporire le fettine di pollo con un pizzico di noce moscata e cuocerle a fuoco medio per circa 15'  , su entrambi i lati , quindi spegnere il fuoco e trasferirle su un piatto . Irrorarle con l'intingolo preparato, coprirle e lasciarle insaporire a temperatura ambiente per circa 30', finché non saranno tiepide .
Nel frattempo, lavare le prugne, dividerle a metà e denocciolarle . Tagliarle a fettine, spruzzarle con il succo di limone e trasferirle in un'ampia terrina con il formaggio a dadini, la cipolla affettata sottile e le noci spezzettate. 
Sgocciolare il pollo dalla marinatura, tagliarlo a tocchetti e unirlo agli altri ingredienti. Amalgamare il tutto con cura, salare e profumare con 5 - 6  steli d'erba cipollina tritati e qualche fogliolina di basilico e maggiorana. 
Per il dressing . Sbattere, con una piccola frusta ,  l'olio insieme al succo d'arancia filtrato, la senape, il miele, una punta di curcuma e una spruzzata di salsa di soia, fino ad avere un'emulsione densa e omogenea . Versarla sull'insalatina di pollo, mescolare e completare con la misticanza mondata .








mercoledì 27 settembre 2017

Tartare d ' Autunno


Un ritorno un po' traumatico, lento e svogliato , quasi sospeso tra la malinconia inattesa di questo Settembre e il beato ricordo dei giorni lievi , seppur torridi , d'estate.
Così, senza troppe parole, ricomincio da qui . . . 




Tartare di manzo

con porcini marinati , insalatina di mela verde e salsa allo yogurt




















Ingredienti per 4 persone

600 gr sottofiletto di manzo
600 gr porcini piccoli e sodi
1 cucch . ino di miele di acacia
1 spicchio d'aglio
1 cipollotto
1 lime
Pecorino stagionato
Erba cipollina , nepitella , prezzemolo
Worcester sauce
Sale comune , sale affumicato
Olio evo

Per l'insalatina
2 mele verdi
1 lime
1 cipollotto
Basilico
Misticanza
Sale
Olio evo

Per la salsa
150 g yogurt bianco tipo greco
2 cucch . ini di senape delicata
1 cucch . ino di miele
erba cipollina
sale
olio evo

Preparare i funghi . Con l'aiuto di un coltellino affilato, raschiare bene i gambi dei porcini, per eliminare ogni residuo terroso. Lavarli delicatamente, con un panno umido, asciugarli e affettarli sottili, tenendo da parte 4 - 5 gambi.
Disporli in un piatto, oppure in una pirofila, salarli e condirli con un'emulsione ottenuta mescolando 6 - 7 cucchiai d'olio con il succo di limone. Profumarli con l'aglio affettato e gli aromi tritati, quindi coprirli e lasciarli marinare per circa un'ora, mescolando di tanto in tanto.






Per la salsa : amalgamare lo yogurt con l'erba cipollina tagliuzzata, il miele , la senape ,  un pizzico di sale e un filo d'olio , mescolando con una piccola frusta fino ad avere una salsa liscia e omogenea.
Tritare i gambi dei porcini rimasti con mezzo cipollotto e le foglie di 5 - 6 rametti di prezzemolo.
Battere finemente la carne a coltello, trasferirla in una terrina , unire il trito preparato e salare con  una presa di sale comune e affumicato . Condire con un'emulsione ottenuta mescolando mezzo bicchiere d'olio con un cucchiaino di miele e una spruzzata di salsa Worcester e amalgamare il tutto con cura . Aggiustare di sapore , se serve , e profumare con qualche stelo di erba cipollina, tagliuzzato con le forbici.
Lavare e asciugare le mele, dividerle in 4, eliminare il torsolo e affettarle sottili , spruzzandole con il succo di lime, per non farle annerire. Riunirle in una terrina con la misticanza mondata, il cipollotto tritato e le foglie di 3- 4 rametti di basilico , quindi amalgamare bene .
Con l'aiuto di un coppa-pasta , porzionare la tartare nei singoli piatti, esercitando una leggera pressione . Adagiare sopra i funghi e abbondante Pecorino a scagliette sottili, quindi sfilare il coppa-pasta e profumare con alcune foglioline di nepitella. 
Completare con l'insalatina ,  condita con un pizzico di sale e un filo d'olio , e servire con la salsa .





mercoledì 19 luglio 2017

Vivere a colori


E così, tra connessioni lente , spiagge dorate e sguardi persi in tramonti perfetti, vi offro una fetta di sole e vi auguro un ' estate indimenticabile . Che sia solo profumo di pesche mature e sfumature
d ' arcobaleno.


Buone vacanze





 Semifreddo alle pesche


























Ingredienti per 6 persone


6 PESCHE NOCI ( circa 700 gr di polpa )
300 GR PANNA FRESCA
80 GR ZUCCHERO
10 GR COLLA DI PESCE IN FOGLI
2 RAMETTI DI ERBA LUIGIA ( = erba cedrina )
1/2 LIMONE NATURALE
PASSITO


Per decorare
1 PESCA NOCE
MORE
RIBES
1 RAMETTO DI ERBA LUIGIA



Riunire le pesche in una casseruola, spruzzarle con il succo di limone , profumarle con l'erba luigia e lasciarle insaporire almeno mezz'ora .  Aggiungere lo zucchero e una spruzzata di vino dolce, quindi portare sul fuoco e cuocerle per circa 15' , finché non saranno ammorbidite .







Ammollare la colla di pesce in acqua fredda .
Sgocciolare le pesche e trasferirle nel mixer, alzare la fiamma e addensare leggermente il liquido di cottura, poi sciogliervi la colla di pesce, amalgamandola bene . Unire lo sciroppo alle pesche e frullare il tutto fino ad avere una crema liscia e omogenea.
Montare la panna, non troppo soda , e unirla al composto, mescolando delicatamente dal basso verso l'alto . Versare il semifreddo in una stampo e passarlo in freezer per almeno 5 h .





IDEA MENU' : l'arcobaleno nel piatto







Antipasto Sabrina : (arancione) Aspic di melone con chantilly di prosciutto

Primo      Carla : (rosso)   Pappa al pomodoro 

Secondo  Consu : (bianco) Verdure grigliate con salsa allo yogurt, menta e miele di timo
 
Dolce Io :   ( giallo )

5° portata Linda : (verde) Panini al basilico



giovedì 29 giugno 2017

Quel sottile velo di piacere

Dal caldo che scioglie anche i pensieri alla tempesta , così senza mezze misure.
Se non altro si respira , la cucina non pare più tanto ostile e il risveglio profuma di leggerezza , frutta succosa e magia.




Confettura

di fragole , pesche e basilico
















Ingredienti per due vasetti da 200 gr


450 GR FRAGOLE
4 PESCHE NOCI ( circa 650 )
250 GR ZUCCHERO
1 LIMONE
1 RAMETTO BASILICO


Sbucciare le pesche, dividerle a metà, eliminare il nocciolo e tagliarle a dadini .
Lavare e tamponare delicatamente le fragole con un panno, quindi eliminare il ciuffetto verde e tagliarle a pezzetti. Trasferire il tutto in una casseruola con il succo di limone filtrato e il basilico e portare lentamente a ebollizione. Aggiungere lo zucchero e cuocere per un'ora, mescolando di tanto in tanto , finché la frutta non sarà disfatta e il composto non avrà assunto una consistenza gelatinosa . Per verificare la cottura , basterà lasciar cadere qualche goccia di confettura su un piattino inclinato : se non scivola via significa che è pronta .
Passare la confettura al passaverdura , se si desidera una consistenza più liscia , e versarla in uno o due vasetti sterilizzati. Chiuderli ermeticamente e immergerli in una pentola , a bordi alti , piena d' acqua , separandoli con un canovaccio . Lasciare sobbollire lentamente per circa 1h , quindi spegnere il fuoco e farli raffreddare nell'acqua.







mercoledì 21 giugno 2017

L ' Estate comincia adesso

Una pioggia di pomodori che finalmente sanno di buono, il profumo degli aromi appena colti e bottarga fresca a profusione . . . Quasi , quasi mi riconcilio con la pasta .
IDEA MENU' in rosso : prepariamo il primo più estivo e semplice che ci sia .



Cavatelli

con pomodorini , limone , pinoli e bottarga




















Ingredienti per 4 persone


320  GR CAVATELLI
800 GR POMODORINI PICCADILLY
40 G PINOLI
BOTTARGA DI MUGGINE Q . B .
1 SPICCHIO D'AGLIO
1 LIMONE BIO
BASILICO , ORIGANO
ZUCCHERO DI CANNA
SALE
OLIO EVO


Lavare e asciugare i pomodorini, quindi dividerli a metà, eliminare i semi e tagliarli a pezzetti .
In un'ampia padella, scaldare un giro d'olio con l'aglio schiacciato, poi aggiungere i pomodorini, la scorzetta di limone, i pinoli e un rametto di basilico e origano . Salare , cospargere con un cucchiaino di zucchero di canna e saltare il tutto, a fuoco vivace, per 3 - 4 minuti, finché i pomodori non saranno caramellati  . Spegnere il fuoco, eliminare l'aglio e lasciare intiepidire.
Nel frattempo lessare la pasta al dente, trasferirla nella padella con il sugo e unire abbondante bottarga grattugiata al momento . Amalgamare con cura , versare i cavatelli in una terrina, profumarli con qualche fogliolina di basilico e servire .









Per le altre portate






Antipasto Consu :  Dip di barbabietole rosse e menta

Primo       Io

Secondo   Linda : Pomodorini al forno con feta e olive
   
Dolce       Sabrina: Cremosa allo yogurt con composta di fragole e rabarbaro 

5° portata Carla : Pomodori gratinati al forno

giovedì 15 giugno 2017

Mi prendo e mi porto via

Insomma, non è proprio la settimana che vorrei, per di più fa caldo e l'idea di sfidarlo non mi alletta un granché .  Così, accarezzando il sogno della fuga perfetta, mi affido al lieve venticello che invade la casa al mattino, preparo qualcosa di buono e non ci penso più .



Filetto di manzo

con ciliegie marinate e salsa verde
















Ingredienti per 6 persone


1 KG FILETTO DI MANZO
3 RAMETTI DI ROSMARINO , SALVIA E TIMO  
1 RAMETTO DI LAVANDA
2 FOGLIE DI ALLORO
2 SPICCHI DI AGLIO
2 BACCHE DI GINEPRO
2 CHIODI DI GAROFANO
NOCE MOSCATA
VINO BIANCO
SALE COMUNE , SALE AROMATICO
OLIO EVO

Per la salsa
100 G BASILICO
50 G PREZZEMOLO
1 PATATA LESSA
1 CUCCH . INO MIELE DI ACACIA
1 SPICCHIO D'AGLIO NOVELLO
SALE
OLIO EVO

600 G CILIEGIE
1 CIPOLLOTTO ROSSO
BASILICO
LIME


Legare la carne con lo spago e sistemarla  in una casseruola con l'aglio, gli odori e le spezie. Condirla con un buon giro d'olio, coprirla e lasciarla insaporire per un'ora.




Trascorso il tempo, rosolare il filetto su ogni lato, salando con il sale comune e quello aromatico. Abbassare la fiamma e cuocere per altri 20' , girando la carne di tanto in tanto. Spegnere il fuoco, posizionare il filetto su un tagliere e lasciarlo riposare . Nel frattempo, deglassare il fondo di cottura con un bicchiere di vino, farlo leggermente restringere, a fuoco medio, e filtrarlo .
Lavare e asciugare le ciliegie, tagliarle a metà ed eliminare il nocciolo . Riunirle in una terrina, spruzzarle con il succo di mezzo lime e aggiungere il cipollotto tritato, il lime rimasto a fettine e abbondante basilico . Amalgamare il tutto e lasciare marinare .






Per la salsa . Riunire nel bicchiere del frullatore le foglie di basilico e prezzemolo , la patata, l'aglio, il miele e qualche scorzetta tritata di lime. Azionare l'apparecchio versando un filo d'olio e qualche cucchiaio del sugo del filetto . Continuare a frullare finché la salsa non avrà una consistenza densa e liscia.
Affettare la carne e allinearla su un piatto, irrorarla con il sugo rimasto e completare con l'insalatina di ciliegie preparata . Servire con la salsa a parte.








mercoledì 7 giugno 2017

Tentazioni etniche

Settimane di latitanza e a tempo libero zero, ma è quasi estate e il countdown verso la libertà è finalmente iniziato.
Così, visto che la bella stagione ha l'inebriante profumo delle erbette fini e degli ortaggi più buoni e colorati che ci siano, vi suggerisco una salsa, di origine mediorientale, dall'irresistibile sapore affumicato e speziato, perfetta come antipasto, contorno o base per un ricco pinzimonio. Personalmente la adoro spalmata sul pane caldo , specie se si tratta di quei soffici e deliziosi panini arabi che non smetterei mai di sbocconcellare .
IDEA MENU' , per un'indimenticabile cena etnica , comincia con l'antipasto :



Caviale di melanzane e tahina

( Baba Ganush )

















Ingredienti per 6 persone

1,4 KG DI MELANZANE ( circa 3 )
1 e 1/2 CUCCH . DI TAHINA ( Crema di sesamo )
1 SPICCHIO D'AGLIO
1 LIMONE BIO
CUMINO
MENTA , PREZZEMOLO O CORIANDOLO
SALE
OLIO EVO


Lavare le melanzane, bucherellarle con i lembi di una forchette e adagiarle in una teglia, rivestita di carta forno . Infornarle a 200 ° per circa 40 ' , finché non saranno tenere .
Lasciarle intiepidire , sbucciarle e raccogliere la polpa in una terrina, avendo cura di eliminare i semi. Aggiungere l'aglio tritato, il succo di limone, un cucchiaino di cumino, la tahina e una presina di sale. Amalgamare il tutto, versando l'olio a filo e schiacciando bene il composto fino a ridurlo in crema ( oppure riunire gli ingredienti nel bicchiere del frullatore e azionarlo unendo pian piano l'olio ). Trasferire la salsa in una ciotola e passarla un paio d'ore in frigorifero a rassodare .
Poco prima di servire, irrorare la superficie con un filo d'olio e cospargere con un trito di menta, prezzemolo o coriandolo e , volendo, un po' di paprika.









Per le altre proposte etniche :








Antipasto  Io         Baba Ganush
Primo       Linda    Noodle con gamberi e latte di cocco
Secondo   Sabrina Upma di verdure con farina di mais (India)
Dolce       Carla     Basbousa (Libano
5° portata Consu   Pane Pita con lievito madre