mercoledì 6 maggio 2015

Il piacere del pane

E dopo tanta pioggia e colori novembrini, oggi finalmente sole, nuvole di panna e tepore d'inizio estate. Per l'umore, non c'è beatitudine più grande , se non quella del pane appena sfornato, ancora caldo e fragrante.
Vi lascio un'idea per un aperitivo all'aperto, ma non solo  . . . Che il pane è la mia dipendenza preferita e non c'è momento migliore di " adesso " per rubarne una fetta.



Pane alle olive taggiasche

con miele , timo e grana di pecora





 
 




 








Ingredienti


200 G FARINA TIPO " 1 " PER PANE E LIEVITATI
50 G FARINA DI FARRO
120 ML ACQUA
120 G OLIVE TAGGIASCHE
80 G GRANA DI PECORA
40 ML OLIO EVO
6 G LIEVITO DI BIRRA
5 - 6 RAMETTI DI TIMO
3 CUCCH . INI DI MIELE DI ACACIA
1,5 CUCCH . INI DI SALE

 
Sciogliere il lievito, in una ciotolina, con l'acqua tiepida e 2 cucchiaini di miele, quindi coprire finché non si sarà formato un leggero strato di schiumetta in superficie.
Sistemare le farine in una terrina capiente, fare un buco al centro, la fontana, e versarvi la miscela preparata. Cominciare a impastare, aggiungendo il sale, e amalgamare bene gli ingredienti fino ad avere una pasta elastica e liscia.
Fare una palla, inciderla a croce e metterla a lievitare, coperta , in frigorifero per tutta la notte.
La mattina seguente, riprendere l'impasto e riportarlo a temperatura ambiente. Lavorarlo velocemente e allargarlo con le mani, su un piano infarinato. Pennellarlo con un cucchiaino di miele, cospargerlo con le foglioline di timo e con il formaggio grattugiato. Impastare il tutto, finchè non sarà ben amalgamato, aggiungendo altra farina se serve . Stendere nuovamente la pasta, formando un rettangolo, e aggiungere le olive, ben sgocciolate. Arrotolarla dal lato lungo, non troppo stretta, esercitando una leggera pressione per appiattirla, e sigillarla bene. Capovolgere il rotolo in una teglia, foderata di carta forno, cospargerlo con un velo di farina, coprirlo e lasciarlo lievitare ancora per 1h .
Pennellare la superficie con un po' di latte e infornare a 180° per circa 30', finchè non sarà gonfio e dorato.
Lasciare raffreddare il pane prima di affettarlo.


 
 
 
Partecipo al contest di Alice : "I lievitati"


27 commenti:

  1. Come darti torto: ad una fetta di pane ancora tiepido è impossibile dire di no, specie se arricchito da ingredienti saporiti come quelli che hai scelto tu.
    Il grana di pecora, in particolare, mi incuriosisce molto perché non ho avuto mai il piacere di assaggiarlo.
    Rubo al volo una fettina, allora...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io l'ho scoperto da poco sai e mi piace tantissimo, sa lievemente di noce.
      Grazie Giulia e un abbraccio

      Elimina
  2. lo assaggerei volentieri insieme a te, non so rinunciare al pane fatto in casa appena sfornato!!!!Baci Sabry

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo sapevo che ti sarebbe piaciuto <3

      Elimina
  3. Lisa che buono questo pane... mi fai venire in mente che è un secolo che non panifico.... questo pane profumatissimo è proprio da provare! Un bascione e in bocca al lupo per il contest di Alice!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che c'è un po' di differenza tra come panifico io e come lo fai tu . bacioni Patty

      Elimina
  4. Che meraviglia e che profumo inebriante deve avere. Un pane da rifare. Baci cara

    RispondiElimina
  5. Ciao, mi sono appena unita ai tuoi lettori fissi.
    Se ti fa piacere passa a trovarmi su www.idolcidigrazia.blogspot.com e unisciti anche tu ai miei followers ... ovviamente, senza impegno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuta Grazie, passo sicuramente a trovarti. A presto

      Elimina
  6. Ciao tesoro, sono rientrata da poche ore dalla mia mini-vacanza che mi ha tenuta un po' lontana dal web. Passo a farti un veloce saluto attratta come sempre dal profumo del pane...la tua proposta mi ha fatto venire un'acquolina che nemmeno immagini :-P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bentornata Consu, non vedo l'ora di leggere qualcosa sul tuo bellissimo giretto. Un bacione

      Elimina
  7. Tesoro grazie di partecipare al mio contest con questo pane gustosissimo e complimenti per le foto !
    baci
    Alice

    RispondiElimina
  8. Bel lievito e sicuramente mooooolto buono!!!

    RispondiElimina
  9. stupendo il tuo pane che non ha bisogno di alcuna farcia,davvero perfetto da gustare con l'aperitivo!Io lo abbinerei ad un bel prosecchino oppure se vogliamo ad un moscato dolce come piace a me!!
    un bacione,e buona giornata lisa :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un prosecchino ghiacciato per me è proprio perfetto . Tanti baci cara

      Elimina
  10. Uno splendido lievitato Lisa, una vera delizia il tuo pane, sempre bravissima!!!!

    RispondiElimina
  11. che splendore!!! complimenti! bravissima :-*

    RispondiElimina
  12. Che bello questo pane....e quanto buono deve essere.

    RispondiElimina
  13. Lisa il pane alle olive è quel classico tipo di pane a cui non riesco a dire no quando vado dal panettiere, magari ogni tanto un filoncino me lo devo prendere!! complimenti davvero, ha un bellissimo aspetto e immagino sia altrettanto buono! buon fine settimana cara!

    RispondiElimina
  14. Come sempre una splendida e raffinata presentazione per trasmettere appieno il "piacere del pane".....ci sei riuscita è meraviglioso!!!
    Baci e buon we

    RispondiElimina
  15. Ti prego Lisa, rifallo e invitami: è assolutamente irresistibile!!!!!!!!!!!!!!!!! :D
    Mamma che meraviglia di sapori! Ogni dettaglio è curatissimo e avvincente. Sei unica ^_^

    RispondiElimina
  16. Bellissimo da vedere e sicuramente squisito ^_^

    RispondiElimina
  17. Devo venire a lezione di panificazione da te! Questo pane e gli abbinamenti che proponi sono una favola!!!

    RispondiElimina
  18. Davvero golosissimo!!! E' giusto ora di cena!!!

    RispondiElimina