mercoledì 3 ottobre 2018

Grigliata dolce salata

Settembre è scivolato distrattamente , così senza un perché.
Ma oggi , rifuggo il torpore post vacanziero e , prima di cedere all'Autunno , approfitto delle ultime pesche dolci e succose , accendo la griglia e mi affido al condimento più godurioso che sia : il Chimichurri , ovvero una salsina di origine argentina , a base di prezzemolo  , origano , aglio  e limone , dal sapore intenso e articolato . Carpire i segreti della ricetta perfetta , è stata impresa ardua, se non impossibile, viste le infinite varianti che annovera ; unico suggerimento condiviso è quello di tritare gli ingredienti a mano , al fine di preservarne l'aroma . 
Detto ciò , vi confesso ,  senza alcun rimpianto , di avere drasticamente ridotto la quantità d'aglio ( l'originale ne prevede almeno 2 - 3 spicchi ) , smorzato il lieve retrogusto amaro con il miele e , eresia delle eresie , usato il mixer . Morale , la salsa era una meraviglia e , con la carne e le pesche , ci stava d'incanto .



Braciola di vitello

con pesche grigliate e salsa Chimichurri
















Ingredienti per 4 persone

4 BRACIOLE DI VITELLO
4 FOGLIE DI ALLORO
4 RAMETTI DI ROSMARINO
4 PESCHE NETTARINE TARDIVE 
1 SPICCHIO D'AGLIO
BASILICO
ZUCCHERO DI CANNA

Per la salsa
1 MAZZO DI PREZZEMOLO ( circa 80 gr )
5 - 6 RAMETTI DI ORIGANO FRESCO
2 RAMETTI DI MENTUCCIA
1 CIPOLLOTTO ROSSO GRANDE
1 SPICCHIO D'AGLIO
1 PEPERONCINO ROSSO
1 LIMONE BIO
MIELE DI ACACIA
ACETO DI MELE
SALE
OLIO EVO


Per la salsa : lavare gli aromi, asciugarli e tritarli finemente con il cipollotto , l'aglio , il peperoncino e qualche scorzetta di limone . Trasferire il trito in una ciotola , salare e unire una spruzzata di aceto e limone, un cucchiaio di miele e l'olio poco per volta, sempre mescolando fino ad avere un composto denso e ben amalgamato ( oppure frullare velocemente tutti gli ingredienti versando l'olio a filo ) . Coprire la salsa e lasciarla riposare per qualche ora al fresco .
Sistemare le braciole su un piatto, profumarle con gli aromi e l'aglio e farle insaporire almeno 30' .
Lavare le pesche , asciugarle , tagliarle a spicchi e spruzzarle con poco succo di limone per non farle annerire.
Scaldare bene una bistecchiera, cospargerla di sale e cuocere le braciole a fuoco medio circa 5' per parte, quindi trasferirle su un piatto e tenerle in caldo .
Grigliare anche le pesche , con un pizzico di zucchero di canna , per un paio di minuti , quindi sistemarle nel piatto con la carne .
Aggiustare il tutto di sapore , irrorare con filo d'olio e servire con la salsa .

martedì 17 luglio 2018

Un ' estate ci salverà

Insomma, è metà luglio , fa caldo e io non sogno altro che spiagge assolate , orizzonti turchesi , musica nell'aria e ozio beato . Così  , cullandomi all'idea della fuga perfetta , cedo al gusto fresco , aromatico e fruttato di un'insalata e vi auguro l'estate più scintillante e spensierata che ci sia .


Buone Vacanze


Insalata di pollo

con pesche , olive , anacardi e

salsa all 'erba cipollina e yogurt





















Ingredienti per 4  - 6 persone

Per il pollo
1 petto di pollo
2 chiodi di garofano
2 bacche di ginepro
2 foglie di alloro
2 rametti di origano , rosmarino , salvia e timo
noce moscata
sale
olio evo

Per l'insalatina
3 - 4 pesche noci
4 - 5 cucch . di olive nere taggiasche
4 - 5 cucch . di anacardi salati
1/2 cipolla rossa di tropea ( 1 se è piccola )
1 lime
basilico , maggiorana e mentuccia
Misticanza

Per la salsa
200 g yogurt greco
2 cucch . ini di miele
2 cucch . ini di senape
1 mazzetto di erba cipollina
sale
olio evo


Tagliare il pollo a bocconcini regolari. 
Versare nel wok, oppure in una padella antiaderente , un filo d'olio e farlo insaporire con l'aglio schiacciato , le spezie e gli aromi . Aggiungere il pollo e saltarlo a fuoco medio per circa 20', finché non sarà dorato , quindi salarlo e cospargerlo con un pizzico di noce moscata . Cuocere per altri 2' - 3' mescolando , spegnere , coprire il pollo e  lasciarlo intiepidire .
Per la salsa : riunire nel boccale del frullatore lo yogurt, l'erba cipollina tritata , il miele, la senape , un pizzico di sale e un giro d'olio, quindi frullare il tutto, fino ad avere una crema densa e liscia.
Lavare le pesche , tagliarle a fettine, riunirle in una terrina e spruzzarle con il succo di lime . Unire le olive , la cipolla affettata sottile , gli anacardi , i bocconcini di pollo e irrorare con un filo d'olio. Profumare con foglioline di basilico , maggiorana e mentuccia e amalgamare il tutto con cura.
Mondare la misticanza , trasferirla in un grande piatto e salarla leggermente . Aggiungere l'insalatina di pollo preparata , qualche aroma e servire con la salsa .







mercoledì 27 giugno 2018

Un mare di bontà

Estate : tempo di giornate assolate , leggerezza svagata e freschezza semplice e sana .
Allora , oggi , mi calo nel mood , assecondo la voglia di pesce e vi racconto il piatto più profumato , delicato e veloce che ci sia .



Sogliole marinate

con salsa di capperi e mandorle


















Ingredienti per 4 persone

4 sogliole
2 spicchi d'aglio
1 limone bio
aromi freschi : basilico , maggiorana , timo , rosmarino
noce moscata
sale
olio evo

Per la salsa
3 cucch . ini di capperi sotto sale
5 - 6 rametti di prezzemolo
5 - 6 rametti di basilico
1 mazzetto di erba cipollina
1 cucch . ino di miele
2 foglie di menta
1/2 limone bio
40 gr mandorle pelate
sale
olio


Versare in un grande piatto 6 - 7 cucchiai d'olio, aggiungere gli aromi , gli spicchi d'aglio , spellati e affettati , e le fettine del limone , coprire e lasciare insaporire .
Eliminare dalle sogliole la testa , le interiora e la pelle scura superiore ( oppure chiederlo al pescivendolo ) . Sciacquarle , asciugarle bene , cospargerle con un pizzico di noce moscata  e salarle.
Scaldare una padella , leggermente unta d'olio, disporvi le sogliole dal lato della pelle bianca e cuocerle , a fiamma vivace , per circa 3' - 4', quindi girarle con delicatezza e continuare la cottura per altri 2' circa. 
Spegnere il fuoco , trasferire il pesce , ancora caldo , nel piatto con l'intingolo preparato e condirlo con cura. Sigillare bene  e fare marinare le sogliole per almeno mezz'ora.
Nel frattempo, lavare e tritare gli aromi per la salsa e dissalare con cura i capperi.
Riunire le mandorle nel boccale del frullatore e ridurle in polvere. Unire gli aromi , qualche scorzetta di limone , il miele e i capperi, quindi frullare il tutto, versando l'olio a filo , fino ad avere una salsa densa e liscia . Aggiustala di sapore e trasferirla in una salsiera .
Sfilettare le sogliole , irrorarle con l'olio della marinata e servirle con la salsa .





venerdì 15 giugno 2018

Vizi d'estate

Fa subito mare , sole e vacanze , accontenta quasi tutti e , piacere non da poco , si può preparare in anticipo, scongiurando il pericolo di sciogliersi in cucina nelle ore più torride. Per non dire che le variazioni sul tema sono infiniti e possono regalare combinazioni insolite e sapori immensamente allettanti . 
Insomma , per inaugurare la stagione dei chicchi fragranti , profumati , colorati e sani , oggi vi offro una delle mie insalate di riso preferite. Un po' perché , cuocendo , sprigiona tutto l'aroma delle erbette fini e delle spezie e un po' perché il salmone ci sta d'incanto .




Riso basmati speziato

con salmone affumicato , piselli , primo sale e datterini



















Ingredienti per 4 persone

Per il riso aromatico
280  G RISO BASMATI
2 CHIODI DI GAROFANO
3 RAMETTI TIMO
1 CIPOLLOTTO
1 - 2 FOGLIE ALLORO
1/2 CUCCH . INO DI CURCUMA
SALE GROSSO

20 POMODORINI DATTERINI
300 GR PISELLI SGRANATI
200 GR PRIMO SALE
180 GR SALMONE SELVAGGIO AFFUMICATO
2 SPICCHI D'AGLIO
1 CIPOLLOTTO
1 LIME
BASILICO , ERBA CIPOLLINA , MAGGIORANA E MENTUCCIA
ZUCCHERO DI CANNA
SALE ROSA DELL'HIMALAYA
OLIO EVO

Sciacquare i piselli e farli insaporire in un tegame con un filo d'olio, il cipollotto tritato, l'aglio schiacciato e un cucchiaino di zucchero. Allungarli con un mestolino d'acqua , coprirli e cuocerli per circa 15' - 20', mescolando ogni tanto  . Salarli e continuare la cottura finché non saranno teneri, ma ancora al dente, quindi spegnerli e lasciarli intiepidire.
Lavare e asciugare gli aromi. 
Versare 5 cucchiai d'olio in una terrina, profumarlo con l'aglio a fettine, un ciuffo di basilico, la mentuccia e qualche scorzetta di lime, coprire e lasciare insaporire per 1h.
Sciacquare il riso , per eliminare l'amido in eccesso .
Portare a ebollizione abbondante acqua , aromatizzata con il cipollotto , l'alloro , il timo , i chiodi di garofano e la curcuma . Salare , versare il riso a pioggia e lessarlo al dente per circa 8' ( o comunque calcolando un paio di minuti in meno di quanto indicato nella confezione ) . Scolarlo , eliminare gli aromi e il cipollotto e allargarlo su un vassoio per intiepidirlo più velocemente , poi trasferirlo nella terrina con l'intingolo preparato, mescolare e lasciare raffreddare.
Nel frattempo , dividere in quattro i pomodorini , cospargerli di sale e zucchero e allinearli su un foglio di carta assorbente affinché perdano un po' della loro acqua .
Tagliare a dadini il formaggio e a listarelle il salmone . 
Eliminare l'aglio dal riso e condirlo con i piselli e gli altri ingredienti preparati. Aggiungere l'erba cipollina, tagliuzzata con le forbici, e qualche fogliolina di basilico , maggiorana e mentuccia. Amalgamare il tutto con cura, aggiustare di sapore e irrorare con un filo d'olio.
Lasciare riposare per almeno 30' prima di servire.



giovedì 31 maggio 2018

Il lato dolce dell'insalata

Se c'è un aspetto seducente di maggio, è il profumo di ciliegie mature che invade l'aria , ricamando sfumature rubine e sottili note fruttate e zuccherine.
Io non smetterei mai di mangiarle e le trovo semplicemente irresistibili nelle ricette salate , specie quando si tratta di preparare l'insalata più fresca , aromatica e buona di sempre .




Insalata di gamberi marinati , ciliegie e feta
















Ingredienti per 4 persone

800 GR CODE DI GAMBERO
400 GR CILIEGIE
150 GR FETA GRECA
2 CIPOLLOTTI
MISTICANZA
1 SPICCHIO D'AGLIO
1 LIME
1 CUCCH . MIELE D'ACACIA
LEMON GRASS
SALSA DI SOIA
AROMI FRESCHI : BASILICO , ERBA CIPOLLINA , MENTA , ORIGANO , ROSMARINO E TIMO
SALE AFFUMICATO E COMUNE
OLIO EVO


Sgusciare i gamberi, lasciando attaccata la coda, sfilare il budellino , che si trova lungo il dorso , sciacquarli e riunirli in una pirofila . Profumarli con l'aglio, pelato e affettato , un cipollotto a spicchietti, gli aromi e il lemon grass a fettine. 
Lavare e denocciolare 6 - 7 ciliegie, quindi schiacciarle e raccogliere il succo in una ciotolina .
Emulsionare 4 - 5 cucchiai d'olio con il miele, una spruzzata di salsa di soia , il succo di mezzo lime e quello delle ciliegie  e irrorare con l'intingolo i gamberi . Mescolare con cura , cospargere con un pizzico sale affumicato,  aggiungere qualche fettina di lime, coprire e lasciare insaporire al fresco per almeno un'ora. 







Nel frattempo, lavare le ciliegie rimaste, denocciolarle e tagliarle a metà . Mondare l'insalata , tagliare a cubetti la feta .
Sgocciolare bene i gamberi dalla marinata , velare d'olio una padella antiadernete e saltare i gamberi a fuoco vivace per 3- 4 ', girandoli su ogni lato . Salare , sfumare con poco vino, farlo velocemente evaporare , spegnere il fuoco e lasciare intiepidire.
Mescolare le ciliegie con il cipollotto tritato e la feta , salare e trasferire il tutto in un grande piatto con la misticanza . Completare con i gamberi , un giro d'olio e qualche fogliolina di basilico e origano .






martedì 22 maggio 2018

Cosa ti preparo per cena

Iniziare la settimana con la pioggia, non è poi una gran novità, ma indugiare in casa per preparare un piatto dall'inenarrabile profumo , è sicuramente il più piacevole dei risvolti . Io vi consiglio di provarlo, potrebbe anche piacervi .
Buon martedì



Coniglio

al limone , capperi e timo















Ingredienti per 4 persone

1 CONIGLIO ( circa 1,2 kg ) TAGLIATO IN 8 - 10 PEZZI
4 CUCCH .  DI CAPPERI
4 CHIODI DI GAROFANO
4 BACCHE DI GINEPRO
2 LIMONI BIO
2 CUCCH . DI SENAPE
2 CUCCH . DI MIELE D'ACACIA
2 SPICCHIO D'AGLIO
2 FOGLIE D'ALLORO
1 RAMETTO DI ROSMARINO E SALVIA
1 BICCH. DI VINO BIANCO
NOCE MOSCATA
TIMO FRESCO
SALE AROMATICO E COMUNE
OLIO EVO


Sciacquare il coniglio in una miscela di acqua e aceto , in modo che perda il sapore di selvatico. Asciugalo , profumarlo con un pizzico di noce moscata e rosolarlo , in un ampio tegame , con l'olio, l'aglio , 4 fettine di limone e gli aromi. Quando  sarà ben dorato, pennellarlo con un'emulsione ottenuta mescolando la senape , il miele e qualche goccia di succo di limone . Salare , sfumare con il vino, coprire il tegame e cuocere, a fuoco dolce, per circa 40', irrorando, all'occorrenza, con altro vino e girando i pezzi, di tanto in tanto. Eliminare il limone , unire i capperi e continuare la cottura per altri 30 '  , finché non sarà tenero.
A cottura ultimata , cospargere il coniglio con le foglioline di 5 - 6 rametti di timo , trasferirlo su un piatto ,  irrorarlo con il suo fondo di cottura filtrato e decorarlo con il limone rimasto a fettine .








martedì 15 maggio 2018

" Ma che colore ha una giornata uggiosa "

Un po' per rallegrare quest'aria grigia , intrisa di pioggia , un po' perché ogni inizio settimana necessita di un rimedio prodigioso per ingranare , ma soprattutto perché impazzisco per il contrasto dolce/salato .
Insomma , io risolvo così .




Sformatini di zucchine e robiola 

con tartare di fragole , pinoli e basilico


















Ingredienti per 7 sformatini


600 G ZUCCHINE NOVELLE
100 G ROBIOLA FRESCA
100 ML PANNA FRESCA
80 G PARMIGIANO REGGIANO
3 UOVA
1 RAMETTO DI MAGGIORANA  E MENTA
1 SCALOGNO
1 SPICCHIO D'AGLIO
NOCE MOSCATA
SALE
OLIO EVO

300 G FRAGOLE
1 CIPOLLOTTO ROSSO
PINOLI
BASILICO GRECO
SALE
ACETO BALSAMICO
OLIO EVO


Spuntare le estremità delle zucchine, lavarle e tagliarle a rotelle . Saltarle per qualche minuto, in un' ampia padella , con un filo d'olio, l'aglio spellato e diviso a metà, lo scalogno tritato e gli aromi . Salarle, coprire e cuocere, a fuoco dolce, finché non saranno tenere, quindi restringere bene il fondo di cottura, aggiustare di sapore e lasciare intiepidire .
Frullare le zucchine con le uova, la panna, la robiola , il parmigiano e abbondante noce moscata. Suddividere il composto in 7 stampini, leggermente imburrati e cosparsi di pangrattato, e sistemarli in una teglia, bagnata con due dita d'acqua. Trasferire gli sformatini in forno a 160 ° e cuocere a bagnomaria per circa 30' - 40', finché non saranno sodi .
Nel frattempo, sciogliere un pizzico di sale in mezzo cucchiaino di aceto, unire 3 cucchiai d'olio ed emulsionare il tutto.
Lavare le fragole, asciugarle e tagliarle a dadini. Raccoglierle in una terrina, condirle con l'intingolo preparato e profumarle con il basilico e il cipollotto, pulito e affettato sottile . Aggiungere due cucchiai di pinoli tostati e amalgamare il tutto con cura .
Sformare i flan , ormai tiepidi , al centro dei singoli piatti e completare con la tartare e qualche fogliolina di basilico.