giovedì 9 febbraio 2017

Storie di spinaci

Quando ero bambina, a casa mia,  si mangiavano spessissimo gli spinaci . A onor del vero, mia madre era solita spacciare per tali, qualsiasi tipo di ortaggio a foglia verde che li ricordasse, anche solo vagamente, per  aspetto e colore . L'inganno, il più delle volte,  era fin troppo evidente, o comunque non valicava la prova d'assaggio.
Confesso di aver azzardato anch'io l'espediente, con esiti altrettanto sconfortanti . Ma,  a prescindere  dalla presenza, reale o presunta, degli spinaci, esiste una ricetta dal boccone felice e qui , inutile dirlo, se ne fa da sempre un uso spudorato.



Sformatini di porri e spinaci

con fonduta al Délice de Bourgogne e granella di noci e uvetta


















Ingredienti per 7 sformatini


350 G DI FOGLIE DI SPINACINI
3 PORRI GRANDI ( solo la parte bianca )
200 G YOGURT GRECO
100 G PARMIGIANO
3 UOVA
SALE
NOCE MOSCATA
OLIO EVO

200 G PANNA FRESCA
100 G DELICE DE BOURGOGNE
NOCE MOSCATA

UVETTA
NOCI PECAN
3 RAMETTI DI MAGGIORANA


Lavare abbondantemente gli spinacini e scolarli bene .
Eliminare dai porri la guaina esterna, affettarli sottili e trasferirli in un'ampia padella con un filo d'olio . Coprirli, farli appassire a fuoco dolce e aggiungere gli spinaci. Salare, coprire e cuocere per altri 15', finché non saranno teneri, quindi aggiustare di sapore, cospargere con il parmigiano e lasciare intiepidire il tutto.
Raccogliere nel boccale del frullatore le uova, lo yogurt e il mix di porri e spinacini, profumare con abbondante noce moscata e frullare fino ad avere una crema liscia .
Imburrare e cospargere con un velo di pangrattato 8 stampini monoporzione ( in silicone o alluminio ) e riempirli con l'impasto, fino a 3/4. Infornare gli sformatini a 170 ° per circa 30', finché non saranno sodi, quindi estrarli dal forno e lasciarli leggermente intiepidire .
Ammorbidire 2 cucchiai di  uvetta per circa 30' in acqua tiepida.
Nel frattempo, scaldare la panna in un pentolino, unire il formaggio a tocchetti e cuocere a fuoco basso, sempre mescolando con una frusta, fino ad avere una crema liscia e abbastanza densa . Profumarla con un pizzico di noce moscata e lasciarla intiepidire .
Sgocciolare l'uvetta, asciugarla e tritarla con un paio di cucchiai noci . Profumare la granella con qualche fogliolina di maggiorane e amalgamare il tutto.
Adagiare gli sformatini nei singoli piatti, aggiungere un po' di fonduta e completare con la granella.








Partecipo al contest  " di Cucina in cucina " , ideato da Barbara e ospitato nei mesi di gennaio e febbraio da Serena del blog Cucina Serena


27 commenti:

  1. Adoro questo piatto delicato,lo vedrei molto bene sulla tavola di San Valentino!!!
    un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione , non ci avevo pensato. Bacioni Gwen e grazie

      Elimina
  2. Molto bello questo piatto!
    Elegante e delicato!
    Sei davvero brava!

    Ho appena scoperto il tuo bellissimo blog e mi sono immediatamente unita ai tuoi lettori fissi!
    Se ti va ti aspetto da me!
    http://lamammadisophia2016.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Benedetta, felice di conoscerti. Grazie dei bellissimi complimenti, sarà un piacere passare da te. A presto

      Elimina
  3. Buoni buoni buoni! Semplici ma con quel qualcosa in più che contraddistingue sempre le tue ricette.
    Brava Lisa!
    p.s. : le foto sono una favola!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che gentile, Monica grazie !!!!!! Un super abbraccio

      Elimina
  4. Quand'ero piccola io tanti anni prima di te eravamo del pieno dopo guerra la verdura in genere la vedevi con il lanternino. Primo perchè se la trovavi era carissima per il poco denaro che si aveva, il surgelato non esisteva per cui verdure niente tra l'altro si cercava qualcosa che riempisse lo stomaco che saziasse e la verdura sola non è in questo contesto. Generalmente verdure a foglie verde in particolare insalate non posso mangiarle ne crude ne cotte nonle digerisco ma, lo spinacino sopra tutto il novello anche crudo mi va benissimo. Marito adora lo spinacio regolarmente saltato al burro :) ma questi sformatini piacciono anche a me li voglio provare. Copio e poi ti so dire non mi dimentico. Un abbraccio e buona serata bacioni. (scusa il lungo commento :( )

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono sempre belle le tue storie Edvige e sono contentissima che questi sformatini ti siano piaciuti. Un abbraccio cara

      Elimina
  5. Io da piccola nemmeno li volevo mangiare gli spinaci! per fortuna, crescendo, ho apprezzato meglio i sapori! Proprio solo negli ultimi anni, faccio incetta di molta verdura e gli spinaci sono tra quelli che preferisco! questo sformatino è elegantissimo, molto spesso lo sono i tuoi piatti...degni di una cenetta romantica! :D a presto e un abbraccio

    RispondiElimina
  6. A casa mia non ci sono mai stati problemi a mangiare le verdure a foglia...ma adesso x farle accettare al marito duro una fatica immane!!!
    Questi sformatini potrebbero mettere tutti d'accordo :-)
    Bravissima e complimenti come sempre x i tuoi strepitosi impiattamenti 😍

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qui ha funzionato !!!!! Grazie mille Consu cara, un abbraccio

      Elimina
  7. Io ho iniziato a mangiare gli spinaci dopo i 18 anni, ma adessi li amo molto, come si cambia col tempo. I tuoi sformatini sono deliziosi, perfetti per una cena romantica, magari a san valentino. Come sempre la presentazione è favolosa. Un bacione e buona serata

    RispondiElimina
  8. Una proposta davvero sfiziosa e colorata... Non amo tantissimo le spinaci ma uno sformatino lo assaggerei volentieri...
    Flora

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono certa che piacerebbero anche a te !!!!!! Bacioni Flora

      Elimina
  9. Lisa che bello essere di nuovo qui!!!! Certo che gli spinaci così li mangerebbe chiunque, una presentazione golosa e soprattutto elegantissima, come sempre sei bravissima! Buona serata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ne sono felicissima anch'io, grazie infinite Ely e un abbraccio forte

      Elimina
  10. La ricetta è ottima e salutare, trovo spettacolare l'impiattamnto....un dipinto!!! Sei troppo brava, ti abbraccio!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Cri, sei un tesoro. Bacioni

      Elimina
  11. MA wooow! Bellissima la storia e la ricetta! Le tue ricette mi incantano sempre! BRava brava!

    RispondiElimina
  12. da provare!
    Comunque sono passata anche per dirti che ho finalmente ripreso a scrivere sul blog!

    RispondiElimina
  13. Ottimi con gli spinaci.. e tu sempre molto raffinata, complimenti!!

    RispondiElimina
  14. sono golosissima di sformati, anche da me la mamma e la nonna li facevano, in primis con le zucchine poi spinaci, ma anche finocchi, cavolfiore insomma di tutto di più . e così la verdura si mangiava... !
    i tuoi sformatini sono bellissimi, mai provati con lo yogurt greco...quasi quasi... ho tanti carciofi..che dici..andrà bene lo stesso?
    grazieeeeeeeeeeee

    RispondiElimina
  15. ps non conosco il formaggio ma già dal nome è una libidine!

    RispondiElimina
  16. confermo... e aumentato (l'appetito) :-) a casa mia sia d'origine che i miei figli mai nessun problema a mangiare gli spinaci o verdure a costa, anzi.. sono sempre piaciuti molto, in piemonte si fanno flan, sformati, ripieni per agnolotti, frittate, pasta fresca ... insomma hanno grande spazio in cucina :-) bravissima Lisa, i tuoi sformatini sono spettacolari!

    RispondiElimina