giovedì 12 aprile 2012

Tradizioni

Ogni  ricetta può essere speciale, se è legata a un ricordo o ispirata da qualcosa o qualcuno di importante.
E questa  per me ha il gusto di una tradizione che si rinnova di anno in anno, con l'inizio della bella stagione, e che si è arricchita nel tempo di nuove sfumature di sapore.  Si tratta di una delle grandi specialità di mio padre, specialità che ormai è diventata quasi un'arte, soprattutto nella scelta degli ingredienti. In primo luogo, la frutta e la verdura  provengono rigorosamente dal suo orto e, con il passare delle settimane e dei mesi, si succedono e si alternano in diverse combinazioni e accurati accostamenti. L' olio extra vergine d'oliva poi deve essere buono e profumato, come quello toscano che producono i miei zii, e il riso assolutamente di prima qualità ( guai nominargli quello per insalate ! ).
La prima della stagione, però, ha un sapore tutto particolare, perché racchiude in se' tutta la freschezza e il profumo delle erbette aromatiche, che proprio in questo periodo fanno capolino in un angolo del giardino. E' la mia preferita e mi auguro che papà  non me ne vorrà se svelerò  alcuni dei suoi piccoli segreti !

 Insalata di riso alle erbette fini

 



Ingredienti per 10 persone

500 G RISO CARNAROLI
200 G FONTINA DOLCE
2 FETTE DI PROSCIUTTO COTTO TAGLIATE A CUBETTI ( oppure 160 G di TONNO SOTT ' OLIO )
100 G  OLIVE NERE IN SALAMOIA
100 G  CIPOLLINE BORETANE
100 G CETRIOLINI
2 CUCCH . CAPPERI SOTTO SALE ( accuratamente dissalati )
3 UOVA SODE
1 MELA GOLDEN DELICIUS
25 POMODORINI DATTERINI
TRITO AROMATICO : BASILICO , BERGAMOTTO , ERBA CIPOLLINA , MELISSA , MENTA , MENTA  PIPERITA , ORIGANO , SANTOREGGIA , TIMO.
OLIO EVO
SALE , PEPE

Per prima cosa, tagliate a cubetti i pomodorini, salarli e peparli, e lasciarli riposare 30' su un tagliere, perché perdano un po' della loro acqua di vegetazione. Tritare grossolanamente le uova sode e salarle. Tagliare a rotelle i cetriolini e le cipolline, e a dadini il formaggio e la mela, quindi riunire tutti gli ingredienti in un'ampia terrina. Lessare il riso, scolarlo e passarlo velocemente sotto l'acqua fredda per fermare la cottura ( in alternativa, scolarlo al dente e stenderlo su un vassoio, con un filo d'olio, per farlo raffreddare ), trasferirlo nella terrina e mescolare con cura. Aggiungere il trito aromatico e lasciare insaporire qualche istante, affinché il riso assorba tutti i sapori, quindi condirlo con un buon giro d'olio. Far riposare la preparazione almeno 1 h prima di servirla.  

Nessun commento:

Posta un commento