martedì 30 aprile 2013

A ciascuno la sua

Sottile e croccante oppure alta e soffice ; semplice all'olio oppure insaporita con formaggio, ciccioli, olive, cipolle o  pomodorini. Un vero e proprio dilemma, che viaggia da nord a sud, lungo lo stivale, a suon di variazioni sul tema . Una cosa è certa, che la si chiami focaccia, schiacciata, ciaccia o fugassa, poco importa, perché lei è sempre e comunque la regina indiscussa dello street food più chic, dello spuntino più godurioso, di un aperitivo senza rimorsi o, diciamolo pure, di una colazione un po' eccentrica . . . Roba da veri estimatori !!!!
Quella che conosco meglio, è di sicuro la schiacciata toscana, morbida dentro e croccante fuori, semplice e buona così com'è, ancora tiepida di forno, oppure farcita. Il segreto è tutto racchiuso in pochi ingredienti, amalgamati con cura, e nell' olio extra vergine d'oliva, quello che fa la differenza, quello dal colore verde brillante e dagli intensi profumi e aromi che solo la campagna toscana regala.
 


Bocconcini di focaccia croccante al timo 

con datterini marinati e quenelles affumicate











































Ingredienti per 60 bocconcini


Focaccia :
200 G FARINA 0
100 G FARINA 00
50 G FARINA MANITOBA
180 ML DI ACQUA
8 G LIEVITO DI BIRRA
2 - 3 CUCCH . DI OLIO EVO
1 CUCCH . DI VINO BIANCO ( facoltativo )
1,5 CUCCH . DI ZUCCHERO
1 CUCCH . INO DI SALE
1O RAMETTI DI TIMO

MISCELA DI ACQUA E OLIO EVO
SALE GROSSO ( Per me : SALE ROSSO DELLE HAWAII )
TIMO

Per la tartare :
80 POMODORINI DATTERINI
1 CUCCH . INO DI MIELE
1 SPICCHIO DI AGLIO NOVELLO
BASILICO
SALE
OLIO EVO

Per il paté di salmone :
100 G SALMONE AFFUMICATO
60 G FORMAGGIO SPALMABILE ( tipo PHILADELPHIA )
2 - 3 CUCCH . YOGURT NATURALE
SUCCO D'ARANCIA
ERBA CIPOLLINA

Per il paté di aringa :
80 G ARINGA AFFUMICATA
80 G FORMAGGIO SPALMABILE ( tipo PHILADELPHIA )
4 CUCCH . YOGURT NATURALE
SUCCO D'ARANCIA
ERBA CIPOLLINA

60 OLIVE TAGGIASCHE

Sciogliere il lievito, in una ciotolina, con l'acqua tiepida e lo zucchero e lasciar riposare per circa 15', finché non si sarà formato un leggero strato di schiumetta in superficie.
Sistemare la farina in una terrina capiente, fare un buco al centro, la fontana, e versarvi la miscela preparata e l'olio, quindi cominciare a impastare. Aggiungere il sale e le foglioline di timo, e amalgamare con cura gli ingredienti, fino ad avere una pasta elastica, liscia e non più appiccicosa. Fare una palla, inciderla a croce e metterla a lievitare, coperta con un panno, per 2h', in luogo tiepido.
Trascorso il tempo di lievitazione, riprendere l'impasto e lavorarlo ancora per qualche minuto, allargandolo su un piano infarinato e piegandolo in quattro, in modo da formare un rettangolo. Sistemarlo su una teglia, foderata di carta di forno, oppure ben unta di olio, e stenderlo nuovamente con le mani fino a riempirla tutta, premendo con i polpastrelli per formare i classici buchi. Pennellare la superficie della focaccia con una miscela di acqua e olio evo e cospargerla con il sale e qualche fogliolina di timo, coprirla e lasciarla lievitare per un'altra ora.
Passare in forno a 180° per circa 25', finché la superficie non sarà ben dorata.
Lavare i datterini, asciugarli e tagliarli in minuscola dadolata. Riunirli in una terrina, salarli, profumarli con qualche foglia di basilico tagliuzzata, l'aglio schiacciato e un emulsione di olio e miele. Mescolare, coprire e lasciare marinare per almeno un ora.
Lasciare i filetti di aringa in ammollo nel latte per circa un'ora, per eliminare il sale in eccesso.
Frullare separatamente l'aringa e il salmone con il formaggio, lo yogurt, una spruzzata di succo d'arancia e qualche stelo di erba cipollina tagliuzzato con le forbici, fino ad avere due salsine lisce e omogenee.
Tagliare la focaccia a quadratini, allinearli su un piatto, e farcirli con un po' di datterini marinati. Con l'aiuto di due cucchiaini, formare con le salsine tante piccole quenelles e adagiarle delicatamente sopra i pomodorini, alternando i sapori. Completare con un'oliva taggiasca e servire.
 



Partecipo al contest di Mulino Chiavazza - La cultura del frumento : Mani in pasta, la Focaccia




e al contest di Monica - A Pancia piena e Cristina - Kitchen Cri - La fiaba è servita

lafiabaeservita300x225.jpg La Fiaba è servita, il primo contest di Monica e Cristina

9 commenti:

  1. Risposte
    1. Ne sono davvero felice, Elenuccia ! Bacioni

      Elimina
  2. Ciao Lisa :) Ti dirò... a me la focaccia piace in tutti i modi! :D La tua è a dir poco invitante, sei stata bravissima come sempre! :) Un bacione e complimenti, buona giornata :**

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di cuore cara Vale. Ti abbraccio

      Elimina
  3. Dolce Ely, che spettacolo la tua focaccia... ne senti il profumo fin dalle prime righe del tuo post! Scopro che, oltre ad una cuoca sopraffina, sei un'abile scrittrice e una fotografa superba! Sperimenterò la tua ricetta aiutandomi con il mio inseparabile Bimby, poi ti racconto!
    Baci, A...mina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara, carissima Amina, non sai che piacere il tuo commento, ci tenevo tanto. Grazie, grazie, grazie ! Che invidia il bimby . . . Fammi sapere se la fai.
      Un enorme bacio

      Elimina
  4. Io sono una di quella che all afocaccia non sa rinunciare e sono disponibile a mangiarla a qualunque ora! Bellissimi quei quadrotti!!
    baci
    Alice

    RispondiElimina
  5. Anch'io !!!!! Ciao Alice bella

    RispondiElimina
  6. Bellissima ricetta, grazie per averla fatta partecipare al nostro contest in bocca al lupoooooooooooooo

    RispondiElimina