mercoledì 23 gennaio 2013

A volte ritornano

In principio c'era la minestra . . . piatto povero della tradizione contadina,  preparato con tutto ciò che offriva la dispensa per riscaldare le fredde serate d'inverno.
Oggi, dopo anni e anni di ostracismo nei confronti della fumante scodella, è tornata di gran moda come autentica delizia dalle infinite combinazioni e consistenze .  Ecco che si rispolverano gli antichi ricettari di casa,  rivisitandoli estrosamente in base ai gusti del momento, alla stagionalità e alla territorialità degli ingredienti . Il risultato ?  A volte un po' SNOB, per eccessiva grazia estetica o esasperata ricercatezza, altre volte decisamente POP, secondo l'Oldani - pensiero, di sicuro sempre CHIC, perché, che siano zuppe, minestre, vellutate o creme, rustiche oppure eleganti, a servirle, non si sbaglia mai !
Io, dopo averle assolutamente disdegnate da bambina, salvo poche rare eccezioni, adesso non potrei proprio farne a meno, perché, al di la delle tendenze, ne ho riscoperto la delicatezza, versatilità, e soprattutto la bontà. E così, nella mia perenne ricerca di nuovi sapori e abbinamenti, è spuntato un ingrediente che non avevo mai assaggiato, un tubero dal gusto che ricorda il carciofo ma anche la patata : il topinambur !
Una vera sorpresa . . . .  Provate!
 

Vellutata di topinambur e patate

con bocconcini di coda di rospo

e pomodorini glassati










Ingredienti per 4 persone

 
Per la Vellutata :
6 - 7 TOPINAMBUR
3 PATATE GRANDI
2 PORRI ( solo la parte bianca )
1 BICCH . DI LATTE
SALE
OLIO EVO


Per il pesce :
500 G DI CODA DI ROSPO
1 SPICCHIO DI AGLIO
1 RAMETTO DI LAVANDA , SALVIA , ROSMARINO E TIMO
VINO BIANCO
SALE
OLIO EVO
 
Per i pomodorini canditi :
8 POMODORINI PICCADILLY
2 SPICCHI DI AGLIO
2 RAMETTI DI ORIGANO
2 RAMETTI DI TIMO
SCORZETTA DI LIMONE
ZUCCHERO
SALE

Pelare i topinambur, immergendoli via via in una bacinella di acqua e limone, per evitare che anneriscano. Pelare anche le patate e tagliare il tutto a dadini. Passare la dadolata in una casseruola con i porri, puliti e tritati, salare e irrorare con un filo d'olio. Lasciare insaporire a fuoco dolce per qualche minuto, quindi coprire a filo le verdure con l'acqua ( se volete potete usare anche il brodo ). Coprire e cuocere per circa 40', allungando poco prima del termine con il latte. Con l'aiuto di un frullatore a immersione, ridurre il tutto in crema, aggiustare di sapore e tenere in caldo.
Tagliare a metà i pomodorini, ben lavati, svuotarli, salarli e lasciarli 30' capovolti su un tagliere, affinché perdano un po' della loro acqua. Allinearli poi in una teglia, foderata di carta forno, e cospargerli con un cucchiaio raso di zucchero e un pizzico di sale. Insaporirli con gli aromi e qualche scorzetta di limone, quindi irrorarli con un buon giro d'olio. Aromatizzare con qualche fettina di aglio e infornare a 90°- 100° per circa 1. Una volta pronti, lasciarli intiepidire e dividerli in quattro o tagliarli a cubetti.
Tagliare a tocchetti la coda di rospo, sciacquata e tamponata con carta da cucina, e saltarla velocemente in padella con un filo d'olio, l'aglio schiacciato e gli aromi. Salare, sfumare con mezzo bicchiere di vino, farlo evaporare a fuoco vivo e spegnere il fuoco.
Servire la vellutata con qualche bocconcino di coda di rospo e qualche pomodorino.




Partecipo al contest di Cinzia e Vale Colors and Food - bianco e un tocco di rosso - di gennaio





Partecipo anche al contest di  " Sale e Coccole " : In . . . Zuppiamoci - Zuppe a go go




 

10 commenti:

  1. Lisa, a parte la bellezza di come l'hai presentata, trovo l'idea di questa vellutata trooooopo bella ed elegante, la coda di rospo ed anche il latte nella cremina (io l'ho omesso nella mia vellutata ma penso sia un tocco speciale)
    GRAZIE!

    RispondiElimina
  2. Ora vedo che l'hai fatta pure tu . . . Mi sa che ho proprio scoperto l'acqua calda !!!!! Per fortuna che hai menzionato il latte, nel procedimento mi ero dimenticata di metterlo.

    RispondiElimina
  3. adoro i topinambur e hai preparato una vellutata così elegante!fantastica!

    RispondiElimina
  4. wow, assolutamente da provare :)in bocca al lupo per i contest e che il lupo crepi :*

    RispondiElimina
  5. Ho un premio per te, spero ti faccia piacere http://ilsolleticonelcuore.blogspot.it/2013/01/sunshine-award-alla-luce-del-sole.html

    RispondiElimina
  6. ....ciaooooo!!!! adesso che ho deciso di fare il risotto con i topinambur " salta " fuori il tuo blog con questa favoloso ricetta!!!!!
    la copio nel mio quaderno e la sperimento la prox sett.
    grazie per la tua visita al mio "cucciolino blog"
    ps grazie per la tua ricetta!!!!! Adoro i topinambur
    monica

    RispondiElimina
  7. Capita spesso, piatti poveri di una volta che ora sono di moda, vedi ad esempio il baccalà, ma dobbiamo conviverci e questa zuppa è un ritorno gustoso e molto buono.

    RispondiElimina
  8. ciao davvero bello questo blog :)
    passa da me se ti và ;)
    http://idolcibijoux92.blogspot.it/

    RispondiElimina
  9. felicidades por la receta y por el blog, esta genial, asi que con tu permiso me quedo mirando cosas ricas por aqui, saludossss

    RispondiElimina
  10. Ciao! Arrivo qui, anche come nuova follower, curiosando fra le ricette di colors and food..complimenti per la ricetta, ha l'aria di essere molto saporita..per altro condivido pienamente la tua passione per le zuppe.
    Se ti fa piacere passa a trovarmi su www.pinkopanino.blogspot.it!!
    Un abbraccio!

    RispondiElimina